Basket, Coppa Italia: finalmente il primo Trofeo di Armani?

Prendono il via oggi le Final Eight di Coppa Italia targate BEKO. La manifestazione anche quest’anno si giocherà al Forum di Assago di Milano, ed i favori del pronostico sono tutti per i padroni di casa targati Armani che cercherà di mettere fine al dominio senese che dura ormai da 5 anni.

Gli accoppiamenti, decisi dalla classifica alla fine del girone di andata della serie A di Basket, hanno messo nella parte alta del tabellone Brindisi (1^a) contro Venezia (8^a) e Siena (4^a) contro Roma (5^a), mentre nella parte bassa troviamo Milano (3^a) contro Sassari (6^a) e Cantù (2^a) contro Reggio Emilia (7^a).

Come detto i favori dei pronostici sono tutti per Milano. Il roster è di gran lunga il migliore del panorama cestistico italiano ed ora, dopo alcuni mesi di duro lavoro in palestra, la creatura di coach Luca Banchi sta prendendo forma. L’aggiunta di Hackett (MVP nel 2013) è stato l’ultimo tassello nella costruzione di una squadra da 12 giocatori 12, che può permettersi rotazioni illimitate e che sta acquisendo una mentalità difensiva di altissimo livello grazie a due bulldog come Moss e Hackett. Del potenziale offensivo è quasi inutile parlarne, perché l’Armani ha talmente tante armi a propria disposizione che la rendono una macchina da canestri. La partita più difficile per Milano sarà la prima, quella contro Sassari, perché in una gara secca gli uomini di Sacchetti possono far male a chiunque, nonostante il periodo negativo che stanno affrontando. Superati i quarti di finale, per Milano sarà tutto in discesa, anche perché la lunghezza del roster dovrebbe favorire una squadra come l’Armani nel confronto con le altre che hanno meno alternative e meno qualità.

Una squadra che avrebbe potuto fare molto bene era l’Enel Brindisi, che arriva alla manifestazione ancora in testa alla classifica della serie A (a pari merito con Milano), ma che in settimana ha perso Bulleri per infortunio. Per il Bullo la stagione è finita a causa della rottura del legamento crociato del ginocchio sinistro. Una brutta botta per i brindisini che dovranno fare a meno del capitano, il leader della squadra, con l’assenza che andrà anche ad accorciare le rotazioni. Per Brindisi al primo turno ci sarà una Venezia in crescita ed il quarto di finale sarà da prendere con le molle.

Qualche settimana fa avrei messo fra le favorite anche Cantù, ma in questo momento Aradori e compagni stanno affrontando un momento di grossa difficoltà e difficilmente riusciranno a venirne fuori in una competizione di 3 giorni che spremerà la squadra non solo fisicamente ma anche mentalmente. Quindi già la sfida con Reggio Emilia potrebbe essere insidiosa, nonostante il rientro di Cusin.

Ci sono poi i campioni in carica di Siena che stanno cercando i nuovi equilibri dopo la partenza di Hackett ed i cambiamenti nel roster. Dopo una buona partenza in campionato la squadra di Crespi sta vivendo di alti e bassi, quindi credo proprio che dopo 5 anni di dominio dovrà mollare lo scettro. E già oggi con Roma non sarà una partita facile.

Finalmente Giorgio Armani potrà vedere la sua squadra alzare un trofeo al cielo dopo tanti anni e soprattutto dopo i tanti milioni spesi senza riuscire a vincere niente.

Basket: tabellone Final Eight di Coppa Italia 2014
Basket: tabellone Final Eight di Coppa Italia 2014

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *