Basket: impresa della Dinamo Sassari. E’ sua la Coppa Italia 2014

Venerdì avevo pronosticato una facile vittoria di Milano in questa Coppa Italia 2014. Sulla carta non c’era partita con nessuno, tanto più in una competizione che prevedeva 3 partite in 3 giorni per le finaliste. Ma avevo anche scritto che “La partita più difficile per Milano sarà la prima, quella contro Sassari, perché in una gara secca gli uomini di Sacchetti possono far male a chiunque“. Ed in una gara secca i ragazzi di Meo Sacchetti hanno centrato l’impresa, vincendo contro l’Olimpia al Forum di Assago ed aprendo la strada verso una storica impresa che rimarrà nella storia del basket, perchè questo successo di Sassari per la Sardegna è secondo solo allo stupendo scudetto conquistato dal Cagliari di Gigi Riva.

Partiamo quindi dalla gara contro Milano. I padroni di casa partono come dei missili ed impongono subito il loro talento e la loro fisicità, schiacciando la Dinamo con un parziale di 24-11 costruito dentro l’area con Lawal (10 punti in 10′) e sul perimetro con Gentile (9 punti in 9′). La Dinamo trova dei punti solo con il giovane Tessitori e con Caleb Green, con i cugini Diener imbavagliati dalla difesa milanese impostata da Banchi. Nel secondo periodo Milano continua ad allungare toccando anche il +16, ma Sassari non ci sta e sotto la guida di Travis Diener e Caleb Green riduce lo svantaggio sulla sirena di metà partita (38-30). La nota dolente per i sardi sembra essere Drake Diener ed anche super coach Michelini evidenzia come Man-Drake non sia in giornata. Nella terza frazione Kangur (3/3 da 3 punti nel 3° periodo) prova di nuovo a fare il vuoto e con una tripla porta Milano sul +12 (57-45) al 26’. La gara cambia sulla sirena del terzo periodo quando la prima tripla della serata di Drake Diener tiene a galla la Dinamo. Drake segna un canestro di tabellone da centrocampo in condizioni d’equilibrio precario e da la carica a tutta la squadra per gli ultimi, intensi, 10′ di gioco. Il n°16 della Dinamo Sassari è letteralmente indiavolato, segna subito due triple firmando anche il sorpasso sassarese sul 66-67. Drake è letteralmente immarcabile, e come alza le mani fa muovere la retina. Nell’ultimo periodo non sbaglia un tiro e porta i suoi fino al +5 (72-77). Milano prova ancora a crederci tornando fino al -1 (78-79) grazie a Moss e Langford. Ma questa è la partita della storia per la Dinamo, che nell’ultimo possesso riesce a difendere egregiamente sui padroni di casa e porta a casa la vittoria per 80-82.

Nella semifinale contro Reggio Emilia altra gara spettacolare dei sardi. Ad inizio gara Travis Diener mette subito le cose in chiaro, ed approfitta della presenza in campo del giovane Mussini (17 anni, classe ’96, bravissimo nei quarti) per scavare subito il primo break, con Reggio che risponde con il solo White. Sassari è una macchina da canestri, ma Reggio con il cuore prova a rimanere in partita (53-45 al 20′). Nella seconda parte di gara il copione non cambia e Sassari conquista una meritatissima finale contro i campioni in carica di Siena.

Arrivati all’esame di maturità, Diener e compagni non potevano sbagliare. La squadra del bravissimo coach Sacchetti controlla la gara nel primo periodo ed azzanna la preda nella seconda frazione grazie ai due Green (7 punti per Cleb, 3 assist per Marques) che scavano il break sassarese che manda le squadre al riposo sul 45-28. Siena non molla e prova a giocarsela. Sotto i tabelloni Ortner è immarcabile (11 punti nel 3° periodo) ed i toscani ritornano in scia prima della volata finale. Eirck Green prova a suonare la carica per Siena, ma dall’altra parte Drake e soprattutto Travis Diener spengono le ultime speranze della squadra di Crespi di poter portare ancora una volta la Coppa in Toscana.

Sassari firma l’impresa e conquista la Coppa Italia 2014, con Travis Diener eletto MVP. Complimenti a Meo Sacchetti per il gran lavoro svolto con questa squadra che ha portato ad una storica vittoria facendo vedere sempre un gran bel basket.

Sassari vince la Coppa Italia 2014
Sassari vince la Coppa Italia 2014

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *