Calcio: l’estate dei presidenti

Il presidente del Napoli De Lauretiis
Il presidente del Napoli

Quella appena finita per il calcio è stata senza dubbio l’estate dei presidenti che ha visto il napoletano De Lauretiis come capofila.

Sì perchè a calcio si è giocato poco ed i paperoni del pallone hanno anche visto bene di scioperare e di far saltare la prima giornata. La crisi economica poi si è fatta sentire anche nel mondo del pallone ed il calciomercato non ha fatto vedere un granchè sennò qualche colpo di coda negli ultimi giorni di Agosto.

I presidenti delle varie società invece si son dati molto da fare. De Lauretiis è stato il leader assoluto. Ha fatto le sue sparate di calciomercato in cui diceva di voler portare a Napoli i vari Sanchez, Rossi, Jovetic e compagnia.  Ha mandato a quel paese tutti quando sono usciti i calendari di serie A perchè voleva essere tutelato a ridosso delle partite di Champions, proprio lui che vede il Napoli talmente in alto da volero addirittura in una superlega europea e non nel campionato di serie A. Insomma, sembrava l’attore protagonista in uno squallido film da cinepanettone. Di questo passo rischia di percorrere la “carriera” del buon Vittorio.

In casa Juventus in vece c’è stato Agnelli che ha continuato con la solita tiritera da cui va avanti da un pezzo: rivuole indietro gli scudetti 2005 e 2006. Un giorno sì e l’altro pure non ha smesso di attaccare soprattutto l’Inter ed il presidente Moratti che si è trovato come non mai al centro del mirino quest’anno. Negli ultimi giorni dagli scudetti Agnelli è passato per “la casa della Juventus”, il nuovo innovativo stadio che dimostra che probabilmente anche in Italia si possono fare le cose in un certo modo. Ovviamente se ti chiami Agnelli è anche più facile ottenere dei permessi.

Sempre contro il povero Moratti si è fatto sentire anche Diego Della Valle, che in 3/4 interviste rilasciate a distanza di tempo nel corso dell’Estate ha lanciato delle vere e proprie bordate relative a calciopoli dirette al presidente nerazzurro che in ogni occasione ha preferito deviare in corner. Don Diego ha anche moso diverse critiche al mondo del calcio proponendo delle linee guida che possano far riprendere quota al pallone ormai sgonfio. Andrea Della Valle invece si è fatto sentire dai fiorentini che non hanno mai perso tempo per muovere diverse critiche a lui ed alla Società. Andrea ha minacciato addirittura di lasciare la Fiorentina salvo poi fare marcia indietro confermando l’impegno della famiglia Della Valle.

Moratti si è fatto sentire praticamente solo in risposta ai suoi colleghi. Grossi colpi l’Inter non ne ha fatti, anche se il cambio in panchina ha portato il presidente nerazzurro ha dare di tanto in tanto consigli al nuvo allenatore.

Il cagliaritano Cellino ed il palermitano Zamparini invece si son distinti, oltre che per le loro solite uscite fuori dal coro, per l’esonero dei loro rispettivi allenatori. Donadoni e Pioli non hanno avuto nemmeno il tempo di iniziare la stagione che già si trovano a spasso. Entrambi i presidenti però stanno cercando di seguire la strada della Juventus con i loro progetti per la costruzione dei nuovi stadi a Cagliari e Palermo.

A Roma dopo anni è cambiata la guida della Società. I Sensi, sommersi dai debiti, hanno dovuto mollare la presa a favore di un americano: Di Benedetto. Sono arrivate diverse novità in Società e soprattutto sono stati investiti tanti soldi nel calciomercato per una squadra dove oltre alla bandiera italiana oggi sembrano sventolare anche quella americana e quella spagnola.

Stasera finalmente inizia il calcio giocato, quello ero. Nell’anticipo del venerdì del campionato spezzatino a San Siro vanno in scena i campioni d’Italia del Milan di Allegri e l’arrembante Lazio di Reja. I milanisti sono i favoriti per la partita e anche per il campionato ovviamente. Dietro di loro nel gruppetto delle inseguitrici ci sarà anche la Lazio insieme a Inter, Juve, Napoli e Roma. La mia Fioretina sarà una mina vagante, con la speranza che almeno quest’anno possa riuscire a fare qualche colpaccio ed a farci vedere un’pò di bel calcio. Buon campionato a tutti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *