Calcio: su Mazzarri, Zamparini e Preziosi…

Oggi piccola parentesi sul calcio nostrano, con 3 dei personaggi più simpatici del panorama nazionale. Partiamo dal nuovo allenatore dell’Inter, tale Walter Mazzarri, il Re Mida del calcio italiano idolatrato nel corso dell’estate per le sue famose “regole” di gestione del gruppo ed in questo avvio di campionato in cui ha ridato slancio all’Inter.

Quando veniva distribuita la “simpatia” a San Vincenzo il buon Walter era assente e non si è mai interessato per sopperire a questa mancanza, che ha colmato con arroganza a paraculaggine che negli ultimi anni ha evidenziato a più riprese sia nei suoi anni blucerchiati che in quelli napoletani quando è diventato a tutti gli effetti “piangina Mazzarri”. In Estate ha messo in evidenza il suo regolamento di ferro: “con me mai nessuno in ritardo agli allenamenti!”. Così tanto per sapere, esiste un club professionistico in cui vengono tollerati i ritardi degli atleti agli allenamenti? Credo proprio di no. Anzi, credo che non venga accettata nemmeno in ambito dilettantistico una cosa del genere. Per tornare al “piangina Mazzarri”, ieri l’allenatore dell’Inter si è lamentato perché la Fiorentina ha avuto un giorno di riposo in più questa settimana e dopo la partita di giovedì (Inter-Fiorentina 2-1) i nerazzurri hanno giocato ieri (domenica) mentre la Fiorentina giocherà oggi. Al toscano Mazzarri sarà sfuggito che la Toscana ha organizzato un grandissimo Mondiale di ciclismo, con l’arrivo della gara di ieri vinta da Rui Costa (non Manuel) posizionato proprio di fronte allo Stadio Artemio Franchi. Giocare la partita Fiorentina-Parma sarebbe stato un’po’ difficile a livello a logistico. Per ora chiudiamo qui su Mazzarri, che tanto con le sue uscite nel corso della stagione fornirà materiale utile per tornare sull’argomento.

Passando a Zamparini e Preziosi, troviamo una parola in comune tra i due presidenti di Palermo e Genoa: Esonero. Entrambi quest’anno hanno deciso di fare una bella manovra di marketing dando le rispettive panchine a due ex giocatori primi di esperienza in panchina ad alto livello. Zamparini in serie B ha affidato il Palermo a Gattuso, mentre Preziosi per il rilancio del Genoa ha scelto Liverani. Logica vuole che se affidi la panchina a due allenatori giovani ed inesperti non può chiedergli risultati fin da subito, ma devi dar loro la possibilità di sbagliare e sperimentare. Altrimenti sarebbe meglio optare per altre scelte. Zamparini ha esonerato Gattuso la scorsa settimana ed ha affidato la panchina al bravissimo Beppe Iachini. Ieri la stessa sorte è toccata a Liverani, che dopo la sconfitta interna per 2-0 subita contro il Napoli è stato esonerato da Preziosi che ha richiamato alla guida del Genoa l’ex tecnico rossoblù Gasperini.

Andando fuori tema rispetto al titolo dell’articolo, ieri la Juve ha vinto il derby di Torino con un gol in fuorigioco. E’ la seconda partita consecutiva che le decisioni arbitrali vanno a favore dei bianconeri, però non bisogna alzare la voce, altrimenti “Parrucchino Conte” se la prende. Non vorrei che si strappasse i capelli…..

Walter Mazzarri
Walter Mazzarri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *