“Dear Basketball, questa stagione è tutto quello che mi rimane da dare”. #Kobe #Bryant annuncia il ritiro a fine stagione

Qualche giorno fa avevo scritto un articolo sulle difficoltà che stava incontrando il 37enne Kobe Bryant in questo inizio di stagione in cui, circondato da una squadra sinceramente imbarazzante, sta giocando la peggior stagione da quando è sbarcato, giovanissimo, nella NBA.

Beh, questa mattina, sulle pagine di The Players’ Tribune il n°24 dei Lakers ha pubblicato una lettera al gioco del Basket, il suo più grande amore. “Dear Basketball” il titolo di questa lettera, in cui Kobe spiega che ormai “questa stagione è tutto quello che mi rimane da dare“. Con queste parole, che arrivano dal cuore, Kobe Bryant annuncia il ritiro a fine stagione. Un passaggio obbligato per un giocatore che, nonostante mentalmente sia ancora pronto a stare sul parquet tutte le sera, riconosce che fisicamente è arrivato al capolinea e come lui stesso ha scritto “il mio corpo sa che è tempo di dire addio“. Non ci rimane altro da fare che goderci le ultime giocate di uno dei più grandi campioni di questo sport, il miglior giocatore dell’era post Jordan e probabilmente l’unico giocatore che, a detta dello stesso MJ, si è avvicinato più di tutti al n°23.

"Dear Basketball, questa stagione è tutto quello che mi rimane da dare"
“Dear Basketball, questa stagione è tutto quello che mi rimane da dare”

Kobe ha riconosciuto che questo era il momento per dire basta, dimostrandosi ancora una volta un campione. Ma ha fatto di più, perchè con questa lettera ha impresso nella storia il suo amore per il basket che dovrebbe essere l’amore che ogni ragazzino (non ci importa l’età) mette in campo ogni volta che ha un pallone da basket tra le mani e le sue scarpe calcano un parquet.

Ecco qua la traduzione della lettera “Dear Basketball” scritta da Kobe Bryant.

Cara Pallacanestro, dal momento in cui ho indossato i calzettoni di mio papà e immaginato di realizzare canestri vincenti nel Great Western Forum sapevo che una cosa era reale: mi ero innamorato di te. Un amore così profondo che ti ho dato tutto me stesso dalla mia mente e il mio corpo al mio spirito e alla mia anima. Da bambino di 6 anni profondamente innamorato di te non ho mai visto la fine del tunnel ma vedevo solo me stesso correre fuori da ciò. E così ho corso. Ho corso su è giù per ogni campo dopo ogni palla persa per te. Mi hai chiesto di combattere e io ti ho dato il cuore perché poi è arrivato tanto altro. Ho giocato nella gioia e nel dolore non perché la sfida mi chiamava ma perchè tu mi stavi chiamando. Ho fatto tutto per te. Perchè questo è quello che fai quando qualcuno ti fa sentire così vivo come tu hai mi hai fatto sentire. Tu hai dato ad un bambino di 6 anni il suo sogno di diventare Laker e ti amerò per sempre per questo. Ma non posso amarti ossessivamente ancora per molto. Questa stagione è tutto quello che mi rimane da dare. Il mio cuore può reggere il colpo, la mia mente può gestire lo sforzo ma il mio corpo sa che è tempo di dire addio. E questo è OK. Sono pronto per lasciarti andare: voglio che tu lo sappia ora così possiamo assaporarci ogni momento che ci rimane assieme. Il bello e il cattivo. Ci siamo concessi l’un l’altro tutto quello che avevamo ed entrambi sappiamo, non importa cosa farò dopo, che sarò sempre quel bambino con i calzettoni alzati, cestino nell’angolo: 05 secondi sul cronometro. Palla tra le mani 5…4…3…2…1. Ti amerò sempre, Kobe

Che dire, grazie Kobe…… grazie di Cuore.

Kobe Bryant al Draft del 1996
Kobe Bryant al Draft 1996 diventa un Laker e corona il suo sogno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *