Disastro Concordia al Giglio

La Costa Concordia affonda

Negli ultimi 100 anni una marea di innovazioni tecnologiche ci hanno portato a fare dei passi da gigante in molti campi. Purtroppo però contro la stupidità dell’uomo c’è veramente poco da fare  e venerdì notte sull’Isola del Giglio, purtroppo, ne abbiamo avuto la conferma.

I 100 anni in questione sono quelli trascorsi tra il naufragio del Titanic, avvenuto nell’Oceano Atlantico nel 1912, ed il naufragio della Costa Concordia, la nave da crociera che venerdì 13 Gennaio 2012 si è arenata nei pressi dell’Isola del Giglio a seguito di una sciagurata manovra del suo capitano, Francesco Schettino.

Parlavo della stupidità umana, perchè solo non c’è altro modo per definire una manovra scellerata come quella compiuta dal capitano Schettino e che ha portato (ad oggi) all’inutile morte di 6 persone. Sembra che il passaggio della nave da crociera nei pressi dell’Isola del Giglio fosse diventata una “brutta abitudine” ed anche in quest’occasione il comandante ha condotto una nave enorme a 150 metri dalla riva per il solito gioco: il saluto all’Isola del Giglio.

A questo punto non resta che sperare che questo bruttissimo incidente non diventi una tragedia anche  a livello ambientale.

Ecco dove è passata la Costa Concordia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *