Ducati-Rossi: c’è tanto lavoro da fare

Rossi in azione con la Ducati 1000

Domenica scorsa è finita probabilmente la peggior stagionedella carriera di Valentino Rossi che nel suo primo anno in Ducati ha fatto una fatica tremenda in sella alla rossa di Borgo Panigale.

Nei giorni scorsi c’è stata una due giorni di test con le nuove moto di cilindrata 1000, ma per il momento la musica non è cambiata. La Honda è ancora davanti a tutti, con largo margine. Ad inseguire sempre la solita Yamaha e staccata la Ducati. Ma se i progetti di Honda e Yamaha sono già a buon punto e vi è già una buona base su cui sviluppare la moto della prossima stagione, in Ducati invece si parla ancora di test ed esperimenti per cercare di arrivare al 2012 con il miglior prototipo possibile, con la speranza di mettere Rossi ed Hayden in grado di competere con i migliori.

Rossi è moderatamente soddisfatto, anche se il secondo e mezzo di distacco dalla Honda appare enorme. “Sono stati due giorni di test importanti perché avevamo bisogno di raccogliere molti dati per il lavoro dei prossimi mesi, che saranno cruciali. Le cose positive di questa moto sono sicuramente il motore, che mi piace, e il fatto che si guida un po’ meglio della precedente: ti da più gusto, anche perché puoi metterla più di traverso. Il telaio non è male ma sicuramente bisogna lavorarci, dobbiamo migliorare in frenata, perché devo riuscire a staccare più forte e in meno spazio, e dobbiamo migliorare l’aderenza in accelerazione. Filippo ha molte idee e abbiamo un po’ di tempo per metterle in pratica prima dei test del prossimo anno“.

Ora la palla è in mano degli ingegneri e dei progettisti che si dovranno dare da fare in vista dei prossimi test invernali previsto a Sepang dal 31 gennaio al 2 febbraio 2012.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *