ESPN Films e Netflix hanno annunciato “The Last Dance”, un documentario su Michael Jordan e sui Chicago Bulls degli anni ’90

ESPN Films e Netflix hanno annunciato che stanno lavorando a “The Last Dance“, un documentario dedicato ai Chicago Bulls degli anni ’90. In totale saranno 10 gli episodi che racconteranno la storia di Michael Jordan e compagni, che sono giustamente considerati una delle dinastie di maggior successo nella storia del sport mondiale.

L’enorme successo della franchigia durante gli anni ’90 ha spinto ESPN e Netflix a puntare l’obiettivo su Jordan ed i Bulls, che erano i soggetti perfetti per la realizzazione di questo ampio documentario che racconterà nel dettaglio i loro grandissimi exploit.

Cosa ci riserva “The Last Dance”

Lo spettacolo sarà diretto da Jason Hehir e Mike Tollin che racconteranno l’ascesa al trono di Michael Jordan. Per dare vita al documentario saranno sfruttate oltre 500 ore di materiale video inedito relativo alla stagione 1997-98, l’ultimo in cui Michael Jordan  ha vestito la maglia n°23 dei Chicago Bulls.

Il titolo del progetto, “The Last Dance“, ci fa capire infatti che l’obiettivo principale di questo documentrario di 10 puntate sarà l’ultima stagione di Michael Jordan con la maglia dei Chicago Bulls.

Il documentario, che sarà disponibile su Netflix nel 2019, vedrà la partecipazione sia di Michael Jordan che di altre figure chiave di quella fantastica squadra. Non mancheranno anche le testimonianze di altri nomi illustri del mondo NBA di quegli anni.

I Chicago Bulls degli anni '90 protagonisti di The Last Dance
I Chicago Bulls degli anni ’90 protagonisti di “The Last Dance”

La Squadra

I Chicago Bulls hanno messo in bacheca ben 6 titoli NBA all’interno di un periodo di 8 stagioni. L’ascensione dei Bulls ai vertici della Lega è coincisa ovviamente con la crescita esponenziale di Michael Jordan, il più grande giocatore di tutti i tempi. MJ è diventato il leader della sua squadra e l’ha guidata ai grandissimi successi degli anni ’90. Durante il periodo d’oro dei Bulls, il n°23 ha vinto quattro titoli di MVP della stagione NBA, ed è stato nominato MVP delle NBA Finals in ognuna delle sei stagioni in cui Chicago ha vinto il titolo NBA.

Michael Jordan

Jordan è considerato il ​​miglior giocatore della storia del basket. E’ anche e soprattutto grazie a lui che il basket NBA è riuscito a diventare un fenomeno mediatico a livello mondiale nel corso degli anni ’80 e ’90.

MJ arrivò ai Chicaco Bulls nell’estate del 1984, dopo essere selezionato come terza scelta assoluta in un draft pieno di stelle. La prima scelta fu Hakeem Olajuwon, mentre per secondo venne scelto Sam Bowie. Quell’anno sbarcarono nella NBA anche giocatori del calibro di Charles BarkleyJohn Stockton. In poco tempo Jordan diventò una delle stelle della NBA.

Il primo titolo di Michael Jordan e dei Chicago Bulls arrivò nel 1991 grazie alla vittoria in finale  per 4-1 contro i Lakers di Magic Johnson. Nel 1992 e nel 1993 arrivarno altri due anelli, ma alla fine della stagione 1993 Jordan annunciò il suo ritiro quando aveva appena 30 anni. Al momento del ritiro MJ dichiarò: Voglio dimostrare di poter primeggiare anche in un’altra disciplina“.

Dopo una breve esperienza come giocatore di baseball, Jordan tornò nella NBA nel mese di marzo 1995. Alle ore 11:40 del 18 marzo 1995 viene diramato un breve comunicato stampa: Michael Jordan ha informato i Bulls di aver interrotto il suo ritiro volontario di 17 mesi. Esordirà domenica a Indianapolis contro gli Indiana Pacers“. Il giorno dopo Jordan si presenta in conferenza stampa dichiarando: I’m back“. Jordan indossa il n°45 per il suo secondo esordio con i Bulls, ma tornerà ben presto al classico n°23. La stagione si chiude però con Chicago viene eliminata ai play-off dagli Orlando Magic.

L’anno successivo Jordan ed i Bulls tornarono a dominare la NBA, portando a casa altri tre campionati consecutivi tra il 1996 e il 1998.

Jordan si ritirò una seconda volta al termine della stagione 1998, ma poi tornò a giocare per due stagioni, tra il 2001 e il 2003, con la maglia dei Washington Wizards.

Mettetevi comodi sul divano

Sono passati 20 anni da quando Michael Jordan ha lasciato i Chicago Bulls, quindi è il momento ideale il lancio di “The Last Dance“.

L’unico problema di “The Last Dance” è che bisognerà aspettare fino al 2019 per ammirare il documentario prodotto da ESPN e Netflix.

Voi siete pronti ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *