Ferrari, l’azzardo non paga. Alonso 5° in Canada

In Canada la Ferrari ci ha provato, tentando l’azzardo del singolo pit stop per puntare alla seconda vittoria stagionale. Ma la strategia della rossa non ha pagato, si è rivelata sbagliata, ed ha relegato Alonso al 5° posto finale quando aveva già in pugno la seconda piazza alle spalle di Hamilton.

La McLaren si era dimostrata più forte ed Alonso stava inseguendo l’inglese che obbiettivamente aveva qualcosa in più della Ferrari dello spagnolo. A 20 giri dal termine, quando Hamilton ha cambiato le gomme, Alonso e Vettel hanno deciso di tentare la carte del singolo pit stop, rimanendo in pista. Tattica sbagliata, con Alonso che a 10 giri dal termine  è andato in crisi con le gomme, vedendosi sorpassare non solo da Hamilton, ma anche da Grosjean, Perez e lo stesso Vettel che alla fine è rientrato ai box.

Col senno di poi è facile criticare la scelta della Ferrari, che sul momento sembrava un vero colpo vincente, salvo poi poi rivelarsi un mezzo suicidio, visto che le gomme Pirelli hanno giocato un brutto scherzo ad Alonso che non pensava che potessero calare così vistosamente.

Quindi gara decisa dalle gomme e dalle scelte tattiche delle scuderie, con la McLaren che si è dimostrata la miglior macchina del lotto in Canada. Gara decisa anche dal DRS, l’ala mobile, che ha permesso tanti sorpassi sul lungo rettilineo prima dell’arrivo.

Hamilton è il 7° vincitore stagione su 7 GP disputati, un vero e proprio record che rende il Mondiale sempre più aperto ed appassionante, con 4/5 piloti in lotta per il titolo. Ora è Hamilton a condurre con 88 punti, seguito da Alonso (86), Vettel (85), Webber (79) e Rosberg (67).

Alonso, 5° in Canada

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *