Finali NBA: gli Heat di Lebron pareggiano i conti

L’ho detto più di una volta e lo ripeto. Le individualità ed il talento dei singoli sono importanti, ma quando arrivi in fondo e devi vincere la Stella da sola non basta. Ci vuole la squadra. Ed è grazie al fondamentale contributo della sua squadra che Lebron James ed i suoi Miami Heat hanno subito pareggiato la serie contro i San Antonio Spurs. E la Finale NBA 2013 si accende ed entra nel vivo.

Da una parte i Miami Heat hanno reso bene il concetto di squadra, su entrambi i lati del campo. In difesa, grazie anche al metro arbitrale piuttosto permissivo, hanno azzannato gli Spurs costringendoli a 16 palle perse (erano state solo 4 in gara1). In attacco un Lebron James braccato da Leonard e compagni ha trovato un apporto fondamentale nei suoi compagni di squadra. Le triple di Allen e Miller, l’imprevedibilità e l’esuberanza di Chalmers, i muscoli e l’atletismo di Andersen oltre alla leadership di Wade. La Squadra ha fatto la differenza e Miami ha pareggiato i conti.

Per gli Spurs invece non ha funzionato niente. Nella prima parte della gara Danny Green è stato sensazionale al tiro, con Parker che è riuscito a mettere in difficoltà la difesa degli Heat e Leonard che ha fatto la voce grossa a rimbalzo in attacco ed in difesa. Ma alla distanza sono calati anche loro e nulla hanno potuto contro le rotazioni e la fisicità di Miami. Duncan praticamente non ha mai fatto canestro, Ginobili non pervenuto, ed anche le “seconde linee” hanno fatto fatica.

Per vincere queste Finali NBA c’è bisogno della squadra, non solo della stella. Lebron ha bisogno dell’aiuto dei suoi compagni, e la panchina lunghissima degli Heat può essere il punto cruciale della sfida. Per gli Spurs la chiave sarà innanzitutto il contributo si Parker, Duncan e Ginobili, ai quali però dovranno dare una grossa mano i vari Leonard, Splitter, Green e Neal. Altrimenti l’Anello resterà in Florida anche quest’anno.

Il formato della Finale, il 2-3-2, a mio avviso darà una mano agli Heat che in 3 partite in trasferta riusciranno almeno una volta a violare il campo degli Spurs. Comunque sia, nel caso in cui una delle due squadre non riesca a chiudere facilmente sul 4-1, credo che chi arriverà a Miami in vantaggio per 3-2 vincerà l’anello.

Nota a margine. Finalmente Tracy McGrady ha messo piede in campo in una Finale NBA.

Lebron "mura" Splitter in gara2 delle Finali NBA 2013
Lebron “mura” Splitter in gara2 delle Finali NBA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *