#Formula1: Eau Rouge e Raidillon, l’esame più duro di ogni pilota di Formula Uno

Domenica 28 Agosto 2016 a Spa-Francorchamps si correrà il GP del Belgio di Formula Uno, uno dei più belli ed appassionanti di tutto il mondiale. Ma Spa-Francorchamps è soprattutto il circuito che mette i piloti davanti ad Eau Rouge e Raidillon, le due curve in sequenza che sono considerate dai piloti come l’esame più duro della Formula Uno. Per questo motivo il circuito di Spa è conosciuto da tutti come l’Università dell’automobilismo.

Ayrton Senna affronta Eau Rouge e Raidillon
Ayrton Senna affronta Eau Rouge e Raidillon

Dopo essere usciti dal tornante della Source i piloti si trovano di fronte un rettilineo al termine del quale ci sono questi due mostri sacri. La prima curva che si affronta verso sinistra è l’Eau Rouge (tradotto acqua rossa, che prende il nome dal fiume che scorre li vicino, le cui acque sono di colore rosso per l’alta percentuale di ferro). I piloti affrontano l’Eau Rouge in picchiata accarezzando il cordolo e quando si trovano nel punto più basso della curva inizia il Raidillon, ed in quel momento la forza della decompressione arriva a 4G. Ma il Raidillon non è solo una curva, perchè è anche un muro con i suoi 24 metri di dislivello che ci sono tra l’entrata e l’uscita. E’ lì che si vedono i piloti veri, quelli che non alzano il piede, che escono sfiorando il cordolo di uscita (passarci sopra a quella velocità è impensabile, vorrebbe dire uscire di pista). Dopo l’uscita del Raidillon i piloti si spostano a sinistra e trovano la pace dei sensi grazie al Kemmel, il lungo rettilineo dove in cui Mika Hakkinen infilò Schumacher con un doppio sorpasso storico nel 2000.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *