#FormulaUno: al via la stagione 2018. Sono tutti ottimisti, ma comanderà ancora la #Mercedes

Domenica a Melbourne, in Australia, prenderà il via la stagione 2018 del Campionato Mondiale di Formula Uno. Alla vigilia del primo appuntamento stagionale tutti i top team sembrano essere molto ottimisti ed hanno grandi aspettative, ma la sensazione è che ancora una volta sarà la Mercedes a dettare il ritmo. Ma quest’anno per la Ferrari il problema non è rappresentato solo dalle frecce d’argento, che sono state praticamente imbattibili negli ultimi 4 anni, ma anche dalla Red Bull che sembra essere veramente molto veloce. Vettel riuscirà finalmente a portare il titolo a Maranello? Oppure vincerà ancora una volta Lewis Hamilton? Ma attenzione a Ricciardo e Verstappen, che sembrano avere le carte in regola per puntare al titolo.

Lo scorso anno la stagione iniziò con il grande exploit di Sebastian Vettel, che all’Albert Park conquistò una grandissima vittoria davanti ad Hamilton e Bottas. Nonostante qualche problema di troppo nei test invernali, la Ferrari riuscì ad iniziare la stagione alla grande, ma non fu in grado di sviluppare in modo adeguato la SF70H a passo corto, che nel corso della stagione venne superata non solo dalla Mercedes, ma anche dalla Red Bull.

Per la stagione 2018 la Ferrari ha messo in pista una macchina che è la naturale evoluzione della monoposto dello scorso anno, puntando questa volta sul passo lungo come fatto anche dai rivali. Questo dovrebbe permettere ai tecnici di Maranello di sviluppare più facilmente la SF71H, migliorando il bilanciamento e rendendo la vettura più competitiva su tutte le piste.

L’obiettivo della Ferrari è ovviamente quello di giocarsela alla pari con Red Bull Mercedes per il successo finale, ma la stagione che sta per iniziare potrebbe rivelarsi più difficile di quello che si pensa, soprattutto se ancora una volta i tecnici della rossa non saranno in grado di sviluppare in modo adeguato la vettura nel corso della stagione.

Sebastian Vettel sulla SF71H
Sebastian Vettel sulla SF71H durante i test di Barcellona

Dietro ai tre top team vorrebbe posizionarsi la McLaren, che in questa stagione ha abbandonato la Honda per passare ai motori Renault. Ma i test prestagionali non sono stati molto confortanti per il team inglese, nonostante l’ottimismo manifestato da Fernando Alonso, che secondo Nico Rosbergnon ha più speranze in Formula 1“. Tra le altre scuderie sembra essere molto competitiva la Haas motorizzata Ferrari, mentre lo stesso non si può dire per la nuova Alfa Romeo Sauber, anch’essa motorizzata Ferrari, affidata a due giovani piloti come Ericsson e Leclerc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *