#FormulaUno: la #Ferrari è pronta alla rivoluzione del 2017 con la combustione multi getto ed una power unit da 1000 cavalli

La Ferrari è pronta a cancellare la terribile stagione 2016 che non ha mai visto salire la rossa sul gradino più alto del podio (la SF16-H se n’è andata in pensione con 11 podi, ma nessuna vittoria). A Maranello lavorano da mesi al nuovo progetto (siglato 668) che darà vita alla monoposto che dovrà scendere il pista per la stagione di Formula Uno 2017. La nuova macchina sarà svelata a Fiorano il 24 febbraio 2017, in occasione di un filming day 2017.

Sarà così la Ferrari del 2017?
Sarà così la Ferrari del 2017? (fonte Derapate)

Saranno stati bravi gli ingegneri del Cavallino Rampante nell’interpretazione delle nuove regole che saranno introdotte in questa stagione? Aumenterà la dimensione dei pneumatici, con la larghezza del battistrada anteriore che passerà da 245 a 305 mm, mentre quelli posteriori passeranno da 325 a 405 mm. Inoltre le monoposto avranno una larghezza massima di 200 cm contro i 180 della scorsa stagione, con l’ala anteriore che dovrà avere un profilo a freccia. Il fondo avrà una larghezza maggiore e passerà da 140 a 160 cm, mentre l’ala posteriore sarà più larga e più bassa: la larghezza passerà da 75 a 95 cm, mentre l’altezza rispetto al piano di riferimento scende da 95 ad 80 cm.

Sergio Marchionne e Maurizio Arrivabene vogliono girare pagina e sono molto fiduciosi del lavoro che sta facendo il gruppo di ingegneri guidato da Mattia Binotto.

La monoposto del 2017 porterà con se una nuova e grande evoluzione del motore. La nuova Power Unit di Maranello, che nella scorsa stagione si era avvicinata in modo importante a quella Mercedes, dovrebbe introdurre novità importanti, una su tutte la combustione multi getto grazie all’introduzione di un nuovo iniettore che andrà a spruzzare la benzina all’interno del cappuccio della candela in due fasi, con la prima in cui il getto sarà utile alla pre-accensione nel cappuccio, ed il secondo per lo scoppio vero e proprio. Sembra inoltre che ci saranno miglioramenti anche per la parte ibrida, con la Power Unit che dovrebbe superare i 1000 cavalli (in questa stagione a Maranello si era arrivati a 970) anche grazie alla maggiore quantità di carburante disponibile (105 kg contro i 100 kg della passata stagione). La nuova Ferrari dovrà gestire meglio le gomme (e la loro temperatura), ed allo stesso tempo dovrà essere in grado di dare ai due piloti un maggior grip, un aspetto che è stato uno dei punti dolenti dalla passata stagione. Esteticamente le nuove regole dovrebbero portare alla progettazione di un muso più affilato e ad un incremento della sciancratura delle fiancate, che saranno svasate in basso per favorire il passaggio dei flussi versi il diffusore posteriore. In casa Ferrari avranno sicuramente scopiazzato anche le soluzioni vincenti portate in pista dagli avversari, come ad esempio l’S-duct, ovvero la presa d’aria presente sull’avantreno.

Sul fronte dei piloti, nel 2017 la Ferrari avrà come terzo pilota il 23enne pugliese Antonio Giovinazzi.

Le modifiche regolamentari interpretate dalla Gazzetta
Le modifiche regolamentari interpretate dalla Gazzetta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *