Fotografia HDR

Una foto con tecnica HDR

In fotografia generalmente sono un amante degli scatti naturali, veri e “catturati” senza l’aiuto della postproduzione che giorno dopo giorno allarga i propri orizzonti. Una foto deve essere in grado di dare un’emozione che dal mio punto di vista deve essere quella che ha “sentito” il fotografo in un determinato istante. Poi ovviamente non si può restare chiusi nel proprio mondo senza considerare la tecnologia che oggi può dare una mano. Ma deve appunto essere un’aiuto, non una modifica sostanziale.

Dopo questa introduzione, volevo parlare (da ignorante in materia) dell’HDR che sarebbe l’High Dynamic Range. Detto molto grossolanamente, si tratta di una foto (o meglio, immagine) nata della combinazione di più scatti effettuati con valori di esposizione differenti. Per realizzare una foto HDR ovviamente ci vorrà un software in che ci permetta di combinare i diversi scatti. Quindi, sotto con Photoshop oppure con il più professionale PhotoMatix.

Ci sono due metodi per realizzare una foto HDR: effettuare la stessa foto con 3 tempi di esposizioni diversi, oppure scattare una foto in formato RAW per poi estrarre 3 foto diverse in postproduzione.

Ma se siete interessati ad una guida più dettagliata potete leggere questo interessante articolo con tanto di esempi.

Questa tecnica può essere usata in modo leggero per creare foto dall’aspetto naturale e realistico, così come si posso marcare particolarmente i filtri per dare un tocco più creativo alla foto che al tempo stesso diventa innaturale. Ecco, vista la premessa fatta all’inizio, io per una foto sono faverovole ad utilizzare questo tipo di tecnica in modo leggero, altrimenti vorrebbe dire che non ho “prodotto” una foto ma solo un’immagine grafica.

Se avete tempo date anche un’occhiata alle bellissime foto realizzate in HDR (e non solo) da Claudio Giovenzana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *