La Ducati dopo Rossi saluta anche Preziosi

La Ducati Corse sta delineando il proprio futuro per cercare il riscatto dopo due anni anonimi e privi di successi. La prima mossa a livello di organigramma è quella più importante, visto che il tedesco Bernhard Gobmeier sarà il nuovo direttore generale della Ducati Corse. Gobmeier prenderà quindi il posto di Filippo Preziosi, ovvero dell’ingegnere che nel 2007 aveva dato vita alla Desmosedici che con Stoner aveva conquistato il titolo iridato.

Preziosi paga la ristrutturazione interna della Ducati successiva all’acquisto del marchio italiano da parte di Audi. Ma soprattutto Preziosi paga la mancanza di risultati di questi ultimi due anni in cui le sue idee ed i suoi progetti non sono stati all’altezza della situazione. Un cambio inevitabile con l’obbiettivo di rilanciare la Ducati ai vertici della MotoGP.

Secondo la Ducati l’arrivo di Gobmeier porterà al Reparto Corse le sue capacità tecniche che “creeranno le premesse per una nuova fase di sviluppo, in vista dei traguardi a cui Ducati ambisce dopo la recente acquisizione da parte del Gruppo Audi“.

In pista il passaggio di consegne tra Rossi e i nuovi piloti Ducati è già avvenuto all’indomani dell’ultima gara di MotoGP del 2012. Purtroppo però le pessime condizioni meteo non hanno permesso a Dovizioso e Iannone di poter valutare la moto e prendere confidenza con quella che sarà la base della loro nuova avventura iridata.

Vi propongo qua un interessante articolo firmato Candido Cannavò a datato 23 Settembre 2007 nel quale l’ex Direttore della Gazzetta dello Sport intervistava Filippo Preziosi, papà della Ducati iridata.

Preziosi e Rossi nei Box Ducati. Ormai due ex

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *