La #Fiorentina sbanca San Siro con #Kalinic ed aggancia l’Inter in testa alla classifica di serie A

Serata indimenticabile per la Fiorentina a San Siro, dove i viola si impongono per 4-1 grazie ad un gol in apertura di Ilicic ed alla tripletta di Kalinic. Con questa vittoria la Fiorentina centra il terzo successo consecutivo, il quinto nelle prime sei giornate di serie A, ed aggancia proprio i nerazzurri in testa alla classifica con 15 punti. La Fiorentina non si trovava al primo posto della classifica della serie A dal 1999, dall’anno di Batistuta ed Edmundo con il Trap in panchina.

La Fiorentina ha subito messo ai paletti i nerazzurri con un pressing altissimo che al 4′ ha costretto Handanovic ad un errore banale che ha portato ad un rigore procurato da Kalinic per i viola e poi trasformato da Ilicic. Poco più tardi è proprio Ilicic a mettere in difficoltà il portiere nerazzurro con un gran tiro a fuori area che Handanovic non trattiene, con Kalinic che mette in fondo alla rete il pallone del 2-0. Al 23′ del primo tempo arriva anche il terzo gol dei viola, sempre con Kalinic che sfrutta alla grande un assist perfetto di Alonso. La partita si chiude definitivamente al 31′ del primo tempo quando Kalinic, lanciato a rete, viene steso da dietro da Miranda che si becca un sacrosanto cartellino rosso. La partita in pratica non ha più niente da dire, con i nerazzurri che tirano i remi in barca e con i viola che mollano la presa fino a quando Icardi non firma la rete dell’1-3 dopo gli sviluppi di un punizione. A quel punto la squadra del bravissimo Paulo Sousa riprende ad imporre il proprio ritmo e firma il poker ancora una volta on Kalinic che segna su assist di Ilicic.

Sono tanti li argomenti da trattare dopo una partita del genere.

Kalinic si dimostra un granissimo giocatore, non solo per i tre gol messi a segno a San Siro ma anche e soprattutto per la grande mole di lavoro svolta nel corso dei 90′. Il croato corre dietro a tutti i palloni, è sempre il primo a far partire il pressing, e quando gli arriva il pallone giusto la mette anche dentro. Oggi 3 gol ed un rigore procurato.

Ilicic è sempre più un giocatore chiave per questa squadra. 12 mesi fa sembrava un corpo estraneo a questa Fiorentina, i tifosi lo fischiavano come metteva piede in campo e lui non si sentiva parte del progetto viola. Ora è probabilmente il giocatore più importante dei viola, con Paulo Sousa che se lo coccola e sfrutta al meglio le sue potenzialità. Oggi un gol, un assist ed un mezzo gol contro l’Inter. Niente male….

Borja Valero è rinato sotto la guida di Paulo Sousa. L’anno scorso era completamente sparito dal gioco, sembrava un giocatore senza motivazioni a cui non riuscivano nemmeno le cose più facili. Oggi è tornato ad essere il “todocampista” instancabile di cui la Fiorentina non può fare a meno. Accanto a lui continua a crescere Badelj ma anche Vecino, tanto che Mario Suarez e a Mati Fernandez si accomodano tranquillamente in panchina.

La Fiorentina gioca meglio contro le grandi. Lo aveva dimostrato nel precampionato con le vittorie contro Barcellona e Chelsea, lo dimostra in questo avvio di campionato in cui le migliori partite sono arrivate contro Milan ed Inter. Contro le medio-piccole che giocano con 11 giocatori dietro la linea della palla è più difficile, ma la mano di Sousa si inizia a vedere ed i viola non possono che migliorare dal punto di vista del gioco.

L’ultima volta in cui la Fiorentina era stata in testa alla classifica (prima giornata esclusa) era il 1999, anno in cui i viola si laurearono campioni d’inverno per poi finire la stagione al terzo posto. Era l’anno di Batistuta, Edmundo, Oliveira e Rui Costa, con Trapattoni in panchina, l’anno in cui l’infortunio del Bati ed il carnevale di Edmundo tolsero alla Fiorentina la possibilità di giocarsi lo Scudetto fino alla fine. Ora credo che pensare al tricolore sia prematuro, che di strada da fare ce ne sia ancora tanta, ma come inizio di stagione abbiamo visto di peggio……

Forza Viola!!!

Festa Viola a San Siro
Festa Viola a San Siro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *