La moda dell’arredamento Shabby Chic

Sapete cos’è l’arredamento Shabby Chic? Io l’ho conosciuto per caso navigando in Rete, quando mi sono trovato di fronte la pagina web di un negozio shabby chic online. Visto che sono un tipo curioso, ho cercato di capire di cosa si trattasse e mi sono informato su questa forma di interior design che sta riscuotendo successo anche in Italia. Facendo un giro sul web mi sono subito reso conto che in giro ci sono moltissimi amanti di questo stile che, secondo il parere di molti, è anche uno stile di vita.

Iniziamo dal significato di questa parola inglese, Shabby, che letteralmente significa “trasandato“. Con il termine Shabby Chic, tradotto alla lettere, ci indica quindi qualcosa di elegante e trasandato. In pratica, gli elementi di arredo in stile Shabby Chic sono oggetti che a prima vista appaiono vecchi e datati, fuori moda, ma che messi assieme ad altri elementi più freschi riescono ad avere un certo stile. In poche parole, nello stile Shabby Chic gli elementi di arredo vecchi ed usati acquisiscono una notevole importanza all’interno dell’arredamento di casa. Si può dire quindi che rivestono una notevole importanza anche il riciclo ed il recupero.

Lo stile d’arredo Shabby Chic è nato negli Stati Uniti alla fine degli anni ottanta da un’idea di Rachel Ashwell, una designer inglese (nata a Cambridge il 30 ottobre del 1959) che si trasferì negli USA nei primi anni ’80. Rachel aprì il suo primo negozio a Santa Monica nel 1989, ed oggi è proprietaria di diversi negozi specializzati in arredamento Shabby Chic, nonché autrice di otto diversi libri sull’argomento. Dal 1999 al 2003, Rachel Ashwell ha condotto inoltre uno show televisivo dal titolo “Rachel Ashwell’s Shabby Chic“. Fin da quando era bambina Rachel andava spesso a cercare e comprare oggetti usati ai mercati delle pulci. Un’usanza che ha mantenuto crescendo, traendo ispirazione per dare vita allo stile Shabby Chic.

Gli elementi di arredo in stile Shabby Chic si distinguono per essere stati pesantemente dipinti e ridipinti nel corso degli anni, con i molti strati di colore e vernice che mostrano i segni del tempo. Ovviamente non è obbligatorio andare a cercare elementi di arredo vecchi per realizzare un prodotto che sia conforme allo stile Shabby Chic. E’ infatti possibile scegliere di trasformare artificialmente dei mobili nuovi, anche se non tutti sono adatti. Ad esempio, i mobili lineari e moderni difficilmente potranno diventare degli elementi di arredo in stile Shabby Chic. Si prediligono invece dei mobili molto lavorati, che presentano fregi e intarsi, che a primo impatto possono sembrare pacchiani, ma che una volta trasformati secondo lo stile shabby chic diventano spettacolari! Da un punto di vista cromatico i colori degli elementi sono tenui e neutri come il bianco, l’azzurro, il rosa ed il beige.

Rachel Ashwell
Rachel Ashwell

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *