Lakers, è l’ora di muoversi

Il Buzzer Beater di Kobe porta i Lakers all'overtime

E’ arrivato il momento di muoversi sul mercato per i Los Angeles Lakers. Se i gialloviola hanno intenzione di giocarsi le loro chance per il titolo quest’anno devono intervenire sul mercato per dare a Kobe Bryant, Pau Gasol e Andrew Bynum qualche compagno degno di vestire la gloriosa maglia losangelina.

Stanotte più che mai, nella sconfitta dopo un overtime in casa dei Pistons, si è visto come lo scarsa profondità del roster dei Lakers sia ogni giorni di più un grosso problema per Mike Brown, soprattutto in una stagione corta e concentrata come questa.

A Detroit i Big Three hanno prodotto 72 punti sugli 85 totali (84%) dei Lakers, prendendosi 58 tiri su 81 (71,5%), raccattando 29 rimbalzi su 51 (57%) e distribuendo 15 assist sui 22 (68%) totali. Questo permette ovviamente agli avversari di adattarsi, soprattutto su Kobe che è costantemente raddoppiato ma che ciò nonostante spesso e volentieri è costretto a forzare ed a prendersi troppe responsabilità che lo portano a sbagliare.

Praticamente i playmaker della squadra fino ad oggi sono stati inesistenti. Fisher ormai non regge più certi ritmi e Blake non riesce a combinare niente di buono sia nel playmaking che al tiro. Artest e Barnes continuano a fornire prestazioni altalenanti e non riescono a dare un equilibrio alla squadra, basta vedere che quando almeno uno dei due gioca decentemente i Lakers vincono. Sotto canestro non ci sono cambi per Gasol e Bynum. Troy Murphy è uno scherzo della natura, non si può vedere con la maglia gialloviola addosso mentre McRoberts è stato completamente accantonato da coach Brown. Kapono, preso in estate per ricoprire il ruolo di tiratore da 3 punti che mancava ai Lakers non è ancora pervenuto e nelle poche apparizioni in campo è sembrato un ex giocatore. Luke Walton non si prende nemmeno in considerazione, lui è ai Lakers solo per godersi il mare di Los Angeles.

Manca quindi un playmaker ed un cambio dei lunghi, poi se arrivasse anche un’ala piccola in sostituzione di uno fra Barnes e Artest non sarebbe male. Occasioni sul mercato dei free agent ce ne sono state ma non sono andate bene, visto che Kenyon Martin ha scelto i Clippers e JR Smith i Knicks. Arenas invece sembra essere stato scartato dallo staff tecnico.

I nomi che circolano continuamente in orbita Lakers sono quelli di Deron Williams e Beasley, ma anche Raymond Felton e Steve Nash. Si era parlato anche di un ritorno di Lamar Odom, ma erano voci infondate.

Qualcosa deve essere fatto in fretta, altrimenti la stagione sarà deludente come quella dello scorso anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *