L’evoluzione delle Web Agency e del Web Design

La modalità di sviluppo dei siti web, e di conseguenza il lavoro delle Web Agency, sono cambiati radicalmente nel corso degli ultimi 20 anni. Quello di internet è un campo che mi ha sempre appassionato, ed è per questo che intorno al 1997 mi avvicinai per la prima volta al mondo del web in qualità di sviluppatore. Il primo approccio arrivò tramite FrontPage, un programma prodotto dalla Microsoft che era un editor HTML che permetteva anche ai principianti di progettare siti web con facilità. Vediamo insieme a grandi linee come è cambiato e come si è evoluto il mondo delle Web Agency e del Web Design.

L’HTML, ovvero l’HyperText Markup Language, è il linguaggio di scrittura utilizzato per la formattazione e l’impaginazione delle pagine web che venne sviluppato alla fine degli anni ’80 e che fu pubblicato ufficialmente nel mese di giugno del 1993.  Come detto, per semplificare e velocizzare la modalità scrittura del codice HTML, da molti sviluppatori web venivano utilizzati programmi come FrontPage (che ho utilizzato anche io) ed Adobe Dreamweaver. In questi anni in Italia nascevano le prime Web Agency che sono state dei veri e propri pionieri di questo mondo.

Un passo importante nello sviluppo dei siti web venne fatto con l’introduzione dei CSS , ovvero i Cascading Style Sheets, chiamati più comunemente Fogli di Stile. Grazie ai CSS gli sviluppatori web ebbero a disposizione uno strumento molto potente per la progettazione e  lo sviluppo dei propri progetti web, in particolar modo dal punto di vista della grafica. In pratica, le informazioni relative all’aspetto grafico del sito web venivano inserite all’interno di un file con estensione .CSS, che poi veniva richiamato nel codice del sito web per associarlo ai vari elementi. In questo modo, per effettuare una modifica grafica e di stile ad un interno sito web, bastava andare a modificare il foglio di stile, senza dover rivedere tutto il codice di un sito web interno.

A cavallo tra la fine degli anni ’90 e i primi anni 2000 molti progettisti iniziarono a sviluppare siti web con l’ausilio di Flash, un software con il quale si potevano creare e sviluppare delle animazioni vettoriali la maggior parte delle quali venivano utilizzate per il web. A lanciare questo programma fu Macromedia, ma poi fu acquistato da Adobe. L’innovazione riguardava in particolar modo l’interattività dell’interfaccia, che fu il primo passo verso il coinvolgimento dell’utente. Ma pochi anni dopo Flash entrò in una fase di grande crisi a causa dell’avvento dei dispositivi mobili sui quali non si potevano visualizzare i siti web sviluppati con questa piattaforma.

Un altro passo importante è stato fatto con l’avvento dei CMS, i Content Management System, ovvero di programmi come WordPress (grazie al quale viene gestito anche questo blog) che permetteva ancora una volta la progettazione e soprattutto la gestione dei contenuti web anche a chi non aveva una conoscenza specifica di linguaggi di programmazione. Le Web Agency hanno subito un’pò questo passaggio, perchè grazie ai CMS ed ai molti temi gratuiti a disposizione degli utenti di queste piattaforme, in molti si buttarono nel campo della programmazione e della gestione dei siti web.

L’ultima rivoluzione è stata quella del cosiddetto web 2.0, quello dei social media e delle varie piattaforme come blog, forum e chat che permettono ai vari utenti di interagire tra loro. Il Web Design è rimasto un punto fondamentale nel lavoro delle Web Agency, che però hanno iniziato ad orientarsi in modo netto anche verso il campo del web marketing. In questo periodo storico sono nati anche i primi e-commerce.

Uno degli ultimi passi per le Web Agency è stato l’avvento del Responsive Design, con il quale la progettazione dei siti web è andata incontro al diffuso utilizzo per la navigazione di Internet dei dispositivi mobili come smartphone e tablet. I web designer hanno cambiato radicalmente il loro modo di vedere la progettazione grafica dei layout dei siti web, iniziando a sviluppare i layout dei siti web tramite il Responsive Design, ovvero facendo sì che il layout cambi in base alle caratteristiche ed alle dimensioni dello schermo del dispositivo sul quale si sta visualizzando.

L'evoluzione delle Web Agency e del Web Design
L’evoluzione delle Web Agency e del Web Design

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *