L’iPhone 6 è meglio piccolo…..

Dagli USA arrivano i primi dati relativi alle vendite di iPhone 6 ed iPhone 6 Plus dalle quali emerge che negli Stati Uniti lo preferiscono piccolo. La ricerca di mercato è stata svolta dalla Consumer Intelligence Research Partner che ha preso in considerazione i primi 30 giorni di vendita del nuovo gioiello di casa Apple. La vittoria del modello da 4,7 pollici nei confronti del fratello maggiore da 5,5 pollici è netta, visto che il rapporto di vendita dei due dispositivi è di 3 a 1.

Quindi in un periodo in cui tutti i maggiori produttori di smartphone tendono a progettare e produrre dispositivi con display sempre più grandi la risposta del mercato ci fa capire che, almeno negli USA, la grandezza non è tutto, visto che il 68% degli utenti ha preferito la versione Classica ed il 24% quella Plus, con il restante 8% che è andata sui modelli del 2013 (iPhone 5C ed iPhone 5S).

Le analisi della Consumer Intelligence Research Partner non si sono fermate però alla scelta fra il modello “Classico” e quello “Plus“. Apple può infatti sorridere constatando il successo che ha avuto iPhone 6 rispetto alle versioni precedenti, visto che nel 2013 l’accoppiata formata da iPhone 5C ed iPhone 5S aveva collezionato l’84% delle vendite, mentre nel 2014 il 92% ha scelto i nuovi modelli. L’attenzione dei consumatori si è spostata invece sulle dimensioni dello storage dei due dispositivi, visto che la capacità media dello storage dei device acquistati è di circa 48 GB, un dato che evidenzia come molti utenti preferiscano il modello con lo store da 64 GB.

Con i due iPhone 6 per il momento a Cupertino hanno battuto ogni record di vendita e con l’avvicinarsi del Natale questi dati non possono far altro che migliorare, soprattutto pensando anche alla ricerca di mercato secondo la quale il 40% degli utenti Samsung starebbe pensando di passare ad Apple nei prossimi mesi. Sarà per questo che Samsung ha deciso di anticipare l’uscita del Galaxy 6?

L'iPhone 6 è meglio piccolo.....
L’iPhone 6 è meglio piccolo…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *