Lippi in Cina: una sfida o per i soldi?

Marcello Lippi è ufficialmente il nuovo allenatore del Guangzhou Evergrande, la squadra più ricca della Superleague cinese, nonchè campione in carica ed attuale capolista in campionato.

Si tratta senza dubbio di una notizia inaspettata. Il ritorno su una panchina di un allenatore del calibro di Marcello Lippi era una cosa che ci si poteva attendere, solo che tutti pensavano che lo avrebbe fatto per guidare una grande Club italiano od europeo. Ed invece l’Ex CT della Nazionale italiana, che nel 2006 portò gli azzurri sul tetto del Mondo, sbarca in Cina.

Le cifre dell’accordo parlano di un contratto di 10 milioni a stagione per 2 anni e mezzo, con scadenza quindi nel 2014. Queste le prime parole di Lippi: “Ho accettato l’invito del Guangzhou con grande emozione e piacere. Fin dall’inizio la società mi ha fatto capire quanto entusiasmo e determinazione ci fosse per creare una grande squadra in grado di vincere il campionato e fare bene nella Champions d’Asia ed io sono qui per questo. Prometto di lavorare col massimo della passione e della mia professionalità“.

Gli investimenti nel mondo del calcio sono in continuo aumento in Cina. La squadra di Lippi non ha badato a spese per allestire la squadra la cui stella è l’argentino Cuenca. Ma anche altre formazioni stanno investendo fortissimo, ad esempio lo Shanghai Shenhua ha acquistato Nicolas Anelka garentendo al francese un contratto da 11 milioni l’anno.

La domanda su Lippi è scontata. E’ andato in Cina solo per raccogliere una nuova sfida in un mercato emergente come quello cinese? Oppure ha solamente accettato un’offerta economica che era veramente irrinunciabile sia per lui che per i suoi collaboratori?

Dopo questa notizia ovviamente stanno già iniziando a saltare fuori diversi nomi di giocatori italiani che potrebbero seguire l’allenatore viareggino in Cina, con in testa Alex Del Piero ed Alessandro Nesta, che però sembrano destinati al campionato americano.

Lippi in Cina con il presidente Liu Jong Zhuo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *