NBA All Star Saturday: uno Stephen Curry pazzesco vince la gara da 3 punti

E’ Stephen Curry il nuovo Re nella gara del tiro da 3 punti. Nel corso dell’All Star Saturday il play dei Golden State Warriors ha tirato fuori due prestazioni pazzesche (27 punti in finale) che lo hanno incoronato come miglior tiratore da 3 punti della NBA. Il n°30 di Golden State strappa così l’ambito titolo a Marco Belinelli.

La finale nel tiro da 3 punti di Stephen  Curry
La finale nel tiro da 3 punti di Stephen Curry

L’edizione 2015 della gara del tiro da 3 punti ha contato su di un cast eccezionale che oltre a Stephen Curry e Marco Belinelli ha visto scendere in campo Klay Thompson, Kyrie Irving, Kyle Korver, Wes Matthews, James Arden e JJ Reddick. Non si erano mai visti tanti tiratori di questo calibro tutti assieme.

Il primo round è stato di altissimo livello, con Klay Thompson che ha infilato ben 24 punti davanti a Curry ed Irving che si sono fermati a 23. Matthews nonostante una buonissima prestazione da 22 punti è stato il primo degli esclusi, mentre Belinelli (18), Korver (18), Redick (17) ed Harden (15) sono rimasti lontani dai migliori.

Per la finale gli splash brothers dei Golden State Warrios se la dovevano vedere contro Irving. Il playmaker dei Cavs è partito forte con un 4/5 al primo carrello, ma poi ha perso il ritmo ed ha chiuso la finale con soli 14 punti. Poi è toccato a Stephen Curry che ha tirato fuori una prestazione mostruosa chiusa con un 20/25 al tiro (80%) ed una serie di 13 canestri consecutivi tra il 2° ed il 4° carrello per un totale di 27 punti. Klay Thompson c’ha provato a resistere al “fratello” di Golden State, ma non c’è stato niente da fare.

Questa la dedica finale di Stephen Curry dopo la vittoria: “E’ una bella sensazione vincere questo titolo che dedico alla memoria di Deah Shaddy Barakat (una delle tre persone musulmane rimaste uccise in una sparatoria in North Carolina, lo stato dove Curry è nato e cresciuto). Mi sono voluto scrivere il suo nome sulle scarpe perché era giusto onorarlo e lanciare un messaggio alla sua famiglia. Devono sapere che non sono soli e anche se non è facile trovare conforto davanti a una tragedia del genere è stato fino all’ultimo giorno un ragazzo speciale. Mi hanno tutti parlato molto bene di Barakat e mi è sembrato giusto ricordarlo davanti a questo platea così importante”.

Stephen Curry con il trofeo
Stephen Curry con il trofeo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *