NBA Draft 2017: i #Lakers scelgono Lonzo Ball

Lonzo Ball è un nuovo giocatore dei Los Angeles Lakers. Come da pronostico, il nativo di Anaheim è stato chiamato dalla franchigia gialloviola che, appena 24 ore prima del Draft, ha dimostrato di voler puntare con decisione sull’ex UCLA mandando D’Angelo Russell a Brooklyn. Il piano di Magic JohnsonRob Pelinka e Luke Walton è quindi quello di affidare a Lonzo Ball il ruolo di regista titolare dei Lakers.

Lonzo Ball, assieme a Brandon Ingram, sarà il punto fermo dei Lakers del futuro. Ora la palla passa a Magic JohnsonRob Pelinka, che dovranno essere bravi a muoversi nei meandri del marcato per portare a Los Angeles qualche giocatore di alto profilo per tornare ad essere competitivi. La trade che ha portato Russel e Mogzov a Brooklyn in cambio di Brook Lopez ha liberato spazio salariale per il 2018, quando i gialloviola avranno la possibilità di firmare due Top Player al massimo salariale. Ma non è escluso che possa essere intavolata qualche trattativa per portare fin da ora Paul George in California.

Lonzo Ball è un nuovo giocatore dei Los Angeles Lakers
Lonzo Ball è un nuovo giocatore dei Los Angeles Lakers

Il Draft NBA 2017 ha portato ai Lakers altri giocatori interessanti.

Con la scelta n°27 è stato chiamato Kyle Kuzma, un’ala grande di 22 anni che ha chiuso l’ultima stagione a Utah con 16.4 punti, 9.3 rimbalzi e 2.4 assist. E’ un giocatore dinamico e versatile, molto adatto al sistema di Luke Walton, ma dovrà lavorare per migliorare il tiro da 3 punti (ha chiuso la stagione con il 32%). E’ un tipo di giocatore molto simile a Larry Nance, Jr. e Julius Randle, motivo per cui non è da escludere che uno dei due possa essere inserito in qualche trade dai Lakers.

Con la scelta n°30 è arrivato invece Josh Hart, guardia in uscita da Villanova, che è stato nominato giocatore dell’anno della Big East. Nello scacchiere di Walton dovrebbe essere l’alternativa a Jordan Clarkson. Hart è un giocatore di 22 anni (è nato il 6 marzo 1995) molto maturo, dotato di un quoziente intellettivo sopra la media, ed al quale viene riconosciuta una grande etica del lavoro. Tutte caratteristiche che faranno molto comodo ai nuovi Lakers. Hart ha chiuso la stagione con 18.7 punti di media a partita ed oltre il 40% da 3 punti.

Josh Hart
Josh Hart

Con la scelta n°42 è sbarcato a Los Angeles Thomas Bryant, un’altra ala grande di 2.09 che in ottica “small ball” potrebbe ricoprire anche il ruolo di centro nei Lakers del futuro. Con questa chiamata è stata fatta una scelta in prospettiva, anche considerando che Bryant ha appena 20 anni (è nato il 31 luglio 1997) e grossi margini di miglioramento. Nel corso dell’ultimo anno ha lavorato in modo efficace anche sul tiro da 3 punti, chiudendo la stagione con un buon 38,3% (contro il 33,3% della stagione precedente).

Thomas Bryant
Thomas Bryant

Secondo ESPN i Lakers hanno firmato anche PJ Dozier, guardia 20enne (è nato il 25 ottobre 1996) in uscita da South Carolina, che ha chiuso la stagione con 13.9 punti, 4.8 rimbalzi, 2.8 assist e 1.7 palle rubate di media. PJ Dozier non era stato scelto tra i primi 60 giocatori del Draft. Non sono ancora chiari i termini del contratto, ma è probabile che la sua posizione sarà valutata nel corso della Summer League di Las Vegas.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *