#NBA: i #Lakers battono i #Thunder in volata. E si vede ancora Brandon #Ingram in versione playmaker….

Nella notte i Los Angeles Lakers hanno giocato allo Staples Center contro gli Oklahoma City Thunder. La squadra di Luke Walton si è imposta per 111-109 al termine di una partita molto emozionante, con un finale al cardiopalma. Negli ultimi 3′ di gioco infatti i gialloviola si erano fatti recuperare oltre 10 punti di vantaggio dai Thunder, ma ci ha pensato Nick Young a rimettere le cose apposto ed a regalare ai gialloviola l’8^ vittoria stagionale. Ora i Lakers hanno raggiunto proprio i Thunder al 6° posto delle Western Conference con 8 vittorie e 7 sconfitte.

I Lakers sono scesi in campo senza D’Angelo Russell, tenuto precauzionalmente a riposo da Luke Walton che vuol il suo playmaker in campo nella doppia sfida che vedrà i gialloviola impegnati contro i Golden State Warriors nei prossimi giorni. In quintetto D’Loading è stato sostituito da Josè Calderon, che poi ha lasciato spazio a Brandon Ingram che come nelle prime partite della stagione è stato messo in cabina di regia da coach Walton. Nonostante sia ancora acerbo, il giovane talento gialloviola ha fatto la sua parte sia in attacco, mettendosi al servizio della squadra, che in difesa dove ha dimostrato di avere una gran dedizione anche a fare il lavoro sporco.

Brandon Ingram ancora in versione playmaker
Brandon Ingram ancora in versione playmaker

La partita è stata emozionante e divertente. All’inizio sono stati i Thunder a prendere in mano la partita, ma dopo un inizio troppo soft i Lakers hanno cambiato l’inerzia della gara grazie al l’ottimo apporto della “second unit” gialloviola. Nel secondo periodo Clarkson e compagni sembravano in grado di allungare, ma un calo di concentrazione e le molte palle perse hanno permesso ai Thunder di tornare avanti, prima della tripla sulla sirena di Nick Young che ha portato di nuovo i Lakers in vantaggio a fine secondo periodo.

Nella seconda parte di gara la squadra di Luke Walton ha preso il controllo della partita, trovando il canestro con facilità e lavorando in maniera efficace contro l’attacco degli ospiti. I Lakers arrivavano addirittura sul +14 (97-83) a 6’45” dalla fine. A 3’20” dal termine il vantaggio dei gialloviola era ancora di 9 punti (108-99), ma in quel momento la squadra di Walton spegneva la luce e consentiva ai Thunder di completare una clamorosa rimonta maturata grazie ai canestri di Westbrook (2 triple) e di Adams. Ma sul 109-108 per i Thunder ci pensava Nick Young a riportare la sua squadra in vantaggio. Il numero zero dei Lakers segnava una tripla fuori equilibrio a 5 secondi dal termine della gara, regalando di fatto la vittoria ai suoi compagni visto che il tentativo di Westbrook sulla sirena non trovava il fondo della retina.

I Lakers hanno giocato ancora una volta una partita ad alto ritmo, mostrando un buon carattere nonostante la giovane età. Sono arrivate però troppe palle perse banali e soprattutto in alcuni frangenti i gialloviola sono sembrai troppo molli.

Sono stato contento di vedere Ingram in campo negli ultimi minuti. Vuol dire che Walton crede in lui e soprattutto che ha voglia di farlo crescere. E crescerà!

Ottima la prova di Mogzov. Non è il miglior centro della Lega, ma ha sempre l’atteggiamento giusto, corre bene lungo i 28 metri del campo ed assicura una protezione del ferro che a Los Angeles non si vedeva da tempo. Ed infatti quando non è in campo i Thunder banchettano sotto le plance.

Buona la prova di Calderon che ha sostituito degnamente Russell, anche se con lui in campo il ritmo di gioco ne ha risentito. Lo spagnolo però ha mostrato un ottimo atteggiamento e soprattutto ha aperto la difesa dei Thunder a suon di triple (4/5 alla fine).

In casa Thunder c’è stata la solita ottima prova di Westbrook, che però è troppo solo. L’ex UCLA ha chiuso la partita con 34 punti,  13 assist e 8 rimbalzi e dopo 15 partite ha delle medie da tripla doppia. Le sue cifre totali parlano di 477 punti, 159 assist e 143 rimbalzi. Solo un certo Oscar Robertson aveva fatto tanto nelle prime 15 partite stagionali.

Westbrook contro Young
Westbrook contro Young

Ora i Los Angeles Lakers giocheranno due partite consecutive contro i Golden State Warriors: la prima nella Baia, la seconda allo Staples Center. Se ci scappasse un’altra vittoria sarebbe veramente ottimo, ma visto lo stato di forma dei Warriors non sarà facile.

Comunque sia: Go Lakers!!!

Lou Williams attacca la difesa dei Thunder
Lou Williams attacca la difesa dei Thunder

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *