#NBA: i Los Angeles #Lakers iniziano la Regular Season con una vittoria contro Houston – #LakeShow

Nella notte, allo Staples Center, è iniziata ufficialmente la nuova era dei Los Angeles Lakers. Dopo 20 anni non c’è più Kobe Bryant in squadra, ma ci sono molti giovani interessanti e di talento. Finalmente in panchina c’è un giovane allenatore che ha le idee chiare e che soprattutto riesce a trasmettere fiducia ed entusiasmo a tutto l’ambiente, ma soprattutto ai giocatori. I Lakers hanno esordito con una vittoria per 120-114 contro gli Houston Rockets di Mike D’Antoni, iniziando con il piede giusto la nuova stagione. E’ solo una partita, ce ne sono altre 81 da giocare, ma era quello che ci voleva dopo gli ultimi tristissimi anni in cui l’unico obbiettivo dei gialloviola era il tank!

D'Angelo Russell
D’Angelo Russell

D’Angelo Russell ha dimostrato di essere il leader di questa squadra. Ha preso per mano i compagni nel corso di tutta la partita, ma nel finale ha capito che sarebbe toccato a Jordan Clarkson, letteralmente on fire nell’ultimo periodo, il compito di giustiziare i Rockets. Russell ha chiuso la partita con 20 punti e 3 assist, ma il top scorer è stato Clarkson con 25 punti frutto di ottime percentuali al tiro: 6/9 da 2, 2/3 da 3 e 7/7 ai liberi.

Jordan Clarkson
Jordan Clarkson

I Lakers si sono dimostrati solidi sotto canestro. Julius Randle sta diventando un fattore molto importante grazie alla sua energia. L’ex stella dei Wildcats ha giocato una partita solita, con 18 punti (9/11 al tiro), 7 rimbalzi e 6 assist. Anche Mogzov ha fatto la sua parte, soprattutto nella prima metà di gara, ed ha chiuso con un ottimo 12+8.

Veniamo infine a Brandon Ingram, il rookie dei lacustri, scelto con la seconda scelta assoluta nel corso dell’ultimo Draft. Il n°14 gialloviola ha giocato una partita in punta di piedi, senza forzare, chiudendo la gara con 9 punti (4/6 al tiro) e 3 rimbalzi.

Brandon Ingram
Brandon Ingram

Ai Rockets non sono bastati i 34 punti ed i 17 assist (career high) di James Harden. Come al solito le squadre di Mike D’antoni fanno molta fatica a livello difensivo, ed anche allo Staples Center lo hanno dimostrato concedendo ben 120 punti ad una squadra di talento ma che ha ancora molta strada da fare per trovare la propria identità. Il Baffo si aspettava molto di più da questa partita, soprattutto perché sia giocava a Los Angeles, ovvero nel posto che ha segnato per sempre (in negativo) la sua carriera di allenatore.

Ecco qua sotto il video con il riassunto della partita:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *