NBA: Popovich, Stern e gli Spurs

Nella notte a Miami sono scesi in campo i Miami Heat ed i San Antonio Spurs per una partita che secondo i pronostici di molti appassionati ed addetti ai lavori sarà anche la Finale NBA 2013.

Greg Popovich, allenatore degli Spurs, ha sorpreso tutti, lasciando a riposo a suoi Big3 (Duncan, Parker, Ginobili), oltre a Green ed agli infortunati Kawhi Leonard e Stephen Jackson. Insomma, contro i Campioni NBA in carica praticamente sono scesi in campo gli “Spurs 2“. La partita è stata tirata fino in fondo, ed i padroni di casa degli Heat sono riusciti a riacciuffarla solo nel finale grazie alla classe di Lebron James e Ray Allen.

Popovich ha fatto una sua valutazione, da grandissimo coach quale è, e visto che veniva da due back-to-back a fila ha scelto di dare un turno di riposo ai suoi vecchietti. allo stesso tempo con questa scelta ha dato una grossa opportunità a chi fino ad ora (ed in futuro) ha giocato meno. Tutto normale, uno gestisce come vuole la sua squadra e deve render conto solo a chi a fine mese gli paga lo stipendio.

Ecco qua che entra in scena David Stern, il Commissioner della NBA, quello che nel 2011 aveva bloccato la trade che avrebbe portato Chris Paul ai Lakers per intenderci. Anche stavolta ha voluto metter bocca, perchè secondo lui la decisione di Popovich ha privato gli spettatori dello spettacolo in una partita di cartello ed in qualche modo ha “falsato” l’andamento della Regular Season. Il Commissioner si è letetralmente infurtiato per la scelta di “Pop” ed ha promesso “pesanti sanzioni” per gli Spurs.

Siamo alla follia! Penso sia arrivato il momento di fermare Stern prima della scadenza naturale del suo mandato, perchè è impensabile che vada avanti fino al 2014. Va messo in panchina, anzi in tribuna. Proprio come ha fatto Popovich con i sui Big3.

David Stern, commissionr NBA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *