#NBA: Stephen Curry e Klay Thompson stendono Oklahoma City portandola a gara-7

Sabato notte i Golden State Warriors hanno compiuto una grandissima impresa andando a sbancare la Chesapeake Arena di Oklahoma City e portando i Thunder a gara-7. I campioni NBA in carica sono stati presi per mano da un Klay Thompson fenomenale (41 punti con 11 triple), dal solito Stepehn Curry e da un Andre Iguodala che si è rilevato finalmente decisivo in questa serie. Questa notte alla Oracle Arena si gioca gara-7, la partita che ci dirà chi dovrà sfidare i Cleveland Cavaliers per la conquista del Titolo NBA 2016.

Per come era andata la finale di conference fino ad oggi, sinceramente non credevo che i Warriors riuscissero a portare Durant e compagni alla “bella”. I Thunder sembravano più forti sia a livello mentale che a livello fisico e per gran parte di gara-6 hanno dimostrato questa superiorità. Ma non avevano fatto il conto con l’orgoglio dei campioni che nel momento decisivo, dopo essere stati sotto praticamente per tutta la partita, hanno aggredito la partita.

41 punti per Klay Thompson
41 punti per Klay Thompson

L’uomo da copertina è senza dubbio Klay Thompson, che con 11 triple e 41 punti totali ha messo in imbarazzo la difesa dei Thunder nella seconda metà della partita. Come detto gli ha dato una grossa mano Stephen Curry che ha sfiorato la tripla doppia chiudendo la partita con 29 punti, 10 assist e 9 rimbalzi. Ma i numeri non riescono a rendere merito alla prova degli Splash Brothers che hanno messo al tappeto gli avversari con dei canestri impossibili per chiunque altro. E poi non dimentichiamoci di Andre Iguodala che finalmente si è fatto sentire su entrambi i lati del campo, mettendo a segno anche una delle giocate decisive della partita con la palla rubata a Kevin Durant nell’ultimo giro di lancette. Sono apparsi in miglioramento rispetto alle gare precedenti anche Draymond Green e Harrison Barnes, mentre questa volta è stato meno incisivo Andre Bogut che ha sofferto sia Adams che Kanter (oltre che il fallo sistematico per mandarlo in lunetta).

Andre Iguodala in difesa su Durant
Andre Iguodala in difesa su Durant

Stephen Curry ha chiuso la gara con la penetrazione del +5 in mezzo alla difesa dei Thunder e poi si è girato verso il pubblico indicando il numero 7 con le dita delle mani. Non è ancora finita, si va a gara-7, alla Oracle Arena. Per i Thunder è una botta tremenda a livello morale perchè ora potrebbe entrare in gioco la paura di perdere (le statistiche dicono che delle 232 squadre che si sono trovate sotto per 3-1 solo 9 sono riuscite a vincere). Ma i Warriors non devono farsi trascinare dall’euforia pensando di aver già vinto. Coach Steve Kerr ha avuto la conferma ancora una volta che quando toglie dal campo i giocatori dello starting five la sua squadra va in difficoltà ed in questo momento dalla panchina il solo Iguodala appare affidabile.

Stephen Curry fa capire al pubblico che si andrà a gara-7
Stephen Curry fa capire al pubblico che si andrà a gara-7

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *