Paul George. Un inizio stagione da #MVP

L’altro giorno ho parlato del pessimo inizio di stagione del mitico Javale McGee che in questo avvio di stagione sta deludendo le attese. Oggi invece ho il piacere di sottolineare come un altro giovane emergente della NBA stia continuando il suo processo di crescita. Sto parlando di Paul George, che dopo i sontuosi playoff dello scorso anno ha continuato a lavorare e migliorarsi tanto da essere, in queste prime partite di regular season, l’indiscusso MVP.

Seguo Paul George dal suo primo anno in NBA (grazie al Fantabasket) e subito dimostrò di avere talento da vendere anche se la sua prima stagione non fu letteralmente esaltante. Ma già nel suo anno da rookie dimostrò le sue qualità e nel corso della stagione trovò partita dopo partita sempre più fiducia nei suoi mezzi (tecnici ed atletici) finendo l’annata in crescendo e giocando da titolare le 5 partite di playoff. Il secondo anno si prese il posto in quintetto nello spot di Ala Piccola dei Pacers chiudendo la stagione a 12,1 punti, 5,6 rimbalzi e 2,4 assist a partita e soprattutto giocando dei grandiosi playoff nei quali però venne eliminato insieme ai suoi Pacers in semifinale di Conference dagli Heat. Lo scorso anno è diventato il leader indiscusso della squadra, la prima opzione offensiva dei Pacers migliorando ogni aspetto del suo gioco tanto da vincere il premio di Giocatore più migliorato dell’anno. E l’inserimento nel secondo quintetto difensivo della NBA. Le cifre a fine anno parlavano di  17,4 punti, 4,1 assist e 7,6 rimbalzi a partita con il 42% dal campo. Lo scorso anno il cammino dei Pacers di un grandioso Paul George si è fermato in Finale di Conference quando Indiana è stata battuta ancora una volta dai Miami Heat (per 4-3).

L’inizio di questa stagione di Paul George è stato grandioso. Sta giocando da MVP, non c’è dubbio. Ormai è il leader indiscusso della squadra che attorno a lui sta avendo una crescita esponenziale. Dopo 6 partite di Regular Season i Pacers sono l’unica squadra ancora imbattuta e le cifre del n°24 dei Pacers parlano di 25,3 punti, 8,2 rimbalzi e 4,3 assist a partita, con 1,8 recuperi ed un +10,8 di plus/minus. Insomma, un’inizio d’annata clamoroso in una stagione in cui i Pacers guidati da George proveranno a fermare il cammino degli Heat.

Paul George. Un inizio stagione da #MVP
Paul George. Un inizio stagione da #MVP

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *