Pokerissimo Viola. E ora?

Vola la Fiorentina di Vincenzo Montella. All’Artemio Franchi la viola mette a segno il suo personale pokerissimo conquistando la quinta vittoria consecutiva in campionato che proietta Pasqual e compagni al 3° posto in classifica a 5 punti dalla vetta in coabitazione con il Napoli.

INSIDIA

L’Atalanta era probabilmente la squadra più in forma del campionato assieme alla Fiorentina e quindi il peggior avversario da affrontare in questo momento. Dopo 4 vittorie consecutive ed il successo in trasferta in casa del Milan il c’era il rischio di un rilassamento da parte dei viola che invece hanno sfoderato l’ennesima grande prestazione contro i bergamschi.

LA PARTITA

La Fiorentina spingeva subito forte e trovava il gol dopo 5′ grazie a Rodriguez. Il difensore argentino, al 3° centro stagionale, sta diventando sempre più fondamentale per i viola non solo in fase difensiva, ma anche in fase di impostazione e sui calci da fermo. I viola continuano a spingere, sfiorano il raddoppio e poi si rilassano. L’Atalanta inizia a giocare e riesce a trovare il pareggio grazie ad un gol (in fuorigioco) di Bonaventura. La Fiorentina riprende in mano il gioco, spinge e pressa forte trovando il 2-1 con una stupenda punizione di Aquilani. Continua il forcing viola, con Cuadrado che ruba palla sulla trequarti ed obbliga Cigarini ad un intervento da rosso su di lui. La punizione di Pasqual è deviata in angolo da Consigli e sugli sviluppi del corner è ancora Aquilani a insaccare in rete la palla del 3-1.

La ripresa inizia con la Fiorentina all’attacco ed l’Atalanta costretta a difendersi nella sua metà campo. Dai piedi di Aquilani parte un cross al bacio per la testa di Luca Toni che segna un gran gol e chiude la partita sul definitivo 4-1. Il resto della partita è pura accademia, con Montella che richiama in panchina Toni, Aquilani e Roncaglia per dare spazio ad El Hamdoui, Mati Fernandez ed Hegazi. Grande la gestione del mister viola che da spazio a tutti ricevendo dai suoi giocatori sempre le risposte giuste.

CENTROCAMPO SPAZIALE

Aquilani dopo i problemi fisici è tornato in squadra e si è aggiunto ad un centrocampo a dir poco spaziale. Insieme a Borja Valero e Pizzarro l’ex Liverpool forma una linea mediata di qualità e quantità come poche in Italia. Se poi ci aggiungiamo la spinta sulle fasce di Pasqual e Cuadrado ne viene fuori una linea a 5 di primissimo livello.

SQUADRA

Ancora una volta i viola esaltano il concetto di squadra. Non c’è un protagonista assoluto perchè questo è un gruppo forte ed unito in cui il vero leader, il vero fattore è appunto la Squadra con la S maiuscola. Non a caso le ultime due vittorie sono arrivate nonostante l’assenza di Jovetic.

E ORA?

La Fiorentina ed i fiorentini adesso iniziano a sognare. La classifica in alto si accorcia con la squadra di Montella che a quota 27 punti aggancia al terzo posto il Napoli. Davanti, ad un solo punto di distanza c’è l’Inter, mentre la Juventus guida la classifica con 32 punti, 5 in più dei viola. Parlare di lotta Scudetto probabilmente è prematuro, questa squadra è ancora giovane e deve continuare il suo processo di crescita e formazione. Ma i viola sono lì, a giocarsela con le migliori, quindi come ha detto Montella è giusto che i tifosi si prendano la libertà di sognare in grande.

Aquilani e Toni festeggiano il 4-1 viola sull’Atalanta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *