“Probirra” è l’unica Birra prodotta interamente in Sardegna

Il suo nome è ProBirra ed è l’unica Birra prodotta in Sardegna ottenuta da lieviti, malti e luppoli sardi. Una birra sarda al 100% non solo per il luogo di produzione ma anche e soprattutto per i confini geografici all’interno dei quali vengono prodotto e selezionate le materie prime.

ProBirra è stata prodotta in via sperimentale dal birrificio artigianale Lara di Tertenia e fa parte di un progetto di ricerca dell’Istituto di Microbiologia del Dipartimento di Agraria dell’Università di Sassari. Il progetto è finanziato dal ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali e viene portato avanti con la collaborazione scientifica di Porto Conte Ricerche e la partnership operativa del birrificio artigianale Lara che ha messo a disposizione tutto il suo know how nel campo del brassaggio.

Probirra è solo il primo step di un percorso che in Sardegna vuol favorire la riconversione delle tradizionali attività produttive del settore agricolo attraverso la creazione di una vera e propria filiera.

Per il momento si tratta solo di un progetto sperimentale nel quale il primo passo è stato quello di selezionare lieviti e grani coltivati e nati in Sardegna. La speranza è che ci siano aziende sarde disposte ad investire sui risultati di questa ricerca per dare vita ad un vero e proprio comparto produttivo capace di realizzare e commercializzare una birra interamente sarda.

Il progetto è molto interessante ed ha visto l’interesse di altri birrifici artigianali sardi che collaboreranno alla selezione di lieviti sardi adatti alla fermentazione e alla rifermentazione delle birre prodotte in Sardegna. Tra questi si segnalano il birrificio P3 di Sassari, il birrificio Rubiu di Sant’Antioco ed il birrificio Dolmen di Uri.

Passiamo alle caratteristiche di Probirra. Si tratta di una bionda non pastorizzata, non filtrata e rifermentata in bottiglia. Queste le parole di Marilena Budroni, responsabile scientifica del progetto:  “Solitamente il lievito della prima fermentazione è diverso da quello utilizzato per la rifermentazione in bottiglia, ma in questo caso siamo riusciti a isolare nei nostri laboratori lieviti adatti a entrambi i processi. Un altro obiettivo del progetto è quello di mettere in rete i produttori di birra e i coltivatori di cereali, in modo da far ripartire la filiera rivitalizzando zone a vocazione tradizionalmente cerealicola, come la Nurra“.

Birra artigianale
Birra artigianale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *