Ricordare Giovanni Falcone

Oggi è il 20° anniversario della strage di Capaci nella quale persero la vita Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo e gli uomini della sua scorta. Morirono sull’autostrada che collega l’aeroporto con Palermo, all’altezza di Capaci.

Oggi quindi è il giorno del ricordo di chi ha lottato senza tregua contro la mafia, di chi si è battuto rischiando e perdendo la propria vita.

Falcone diceva che “La mafia non è affatto invincibile. È un fatto umano e come tutti i fatti umani ha un inizio, e avrà anche una fine. Piuttosto bisogna rendersi conto che è un fenomeno terribilmente serio e molto grave e che si può vincere non pretendendo eroismo da inermi cittadini, ma impegnando in questa battaglia tutte le forze migliori delle istituzioni“. Oggi, dopo la strage di Brindisi in cui ha perso la vita un’innocente 16enne, si ha la sensazione che per la Mafia non sia ancora arrivata la parola fine, ma nonostante questo l’impegno per fermarla e sconfiggerla deve continuare.

Anche l’FBI ha dedicato sul Sito Web uno spazio a Giovanni Falcone, definendolo un “coraggioso avversario della Mafia e uno dei primi sostenitori della cooperazione internazionale nella lotta al crimine organizzato”.

Giovanni Falcone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *