Scoperti 7 esopianeti simili alla Terra! E #Google festeggia con un #doodle

La NASA ha annunciato di aver scoperto la presenza di sette nuovi pianeti che hanno dimensioni simili a quelle della Terra. Gli esopianeti si trovano in un unico sistema solare a 40 anni luce di distanza dalla Terra (235 miliardi di miglia), e di questi almeno tre si trovano in una “zona abitabile”. Per festeggiare quella che è ritenuta una delle notizie scientifiche più importanti degli ultimi anni, Google ha deciso di dedicare un doodle alla scoperta della NASA.

Scoperti 7 esopianeti simili alla Terra! E #Google festeggia con un #doodle
Scoperti 7 esopianeti simili alla Terra! E #Google festeggia con un #doodle

Gli esopianeti (si chiamano così perché si trovano al di fuori del nostro sistema solare) sono stati avvistati grazie al telescopio spaziale Spitzer della NASA. La scoperta è stata effettuata da un gruppo di astronomi guidati da Michaël Gillon dello STAR Institute dell’Università di Liegi (Belgio) che hanno avvistato i pianeti orbitare attorno ad una “nana rossa” di nome TRAPPIST-1, leggermente più piccola del Sole, che fa parte della costellazione dell’Acquario nel cielo notturno terrestre. Spitzer è stato in grado di identificare un totale di sette mondi rocciosi, di cui tre nella zona abitabile, dove potrebbe trovarsi dell’acqua allo stato liquido sotto forma di laghi e oceani.

I sette pianeti potrebbero anche essere totalmente ancorati alla loro stella. Questo significa che una parte del pianeta è sempre rivolto verso la stella e che quindi su un lato è sempre giorno e sull’altro c’è la notte perpetua. Questo comporterebbe delle condizioni meteorologiche del tutto a differenti da quelle della Terra, con enormi sbalzi di temperatura e soprattutto con la generazione di forti venti che soffiano dal lato giorno verso il lato notturno.

L'illustrazione mostra come appaiono i pianeti del sistema TRAPPIST-1
L’illustrazione mostra come appaiono i pianeti del sistema TRAPPIST-1

Ecco qua di seguito il video pubblicato sul sito ufficiale della NASA, visibile anche su Youtube, nel quale si spiega l’esistenza di queste sette esopianeti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *