Se anche il Milan chiede l’elemosina…..

Da un paio di anni a questa parte il Milan, il club più titolato in Europa e nel Mondo, mette molta attenzione al portafoglio, punta al risparmio e mai come ora sembra andare in giro per l’Europa ad elemosinare giocatori sperando di convincerli a vestire la maglia rossonera solo per il suo blasone.

E’ la situazione del calcio italiano, che non riesce più a stare al passo con gli altri paesi europei e che fatica ogni giorno di più a reggersi in piedi. Quindi ecco i vari autofinanziamenti e ridimensionamenti che sono necessari per poter riuscire ad andare avanti nel mondo del pallone.

Quello del Milan è un mercato di cessioni illustri, di giocatori presi a parametro zero od acquisiti in prestito. Quest’anno sono stati in molti a lasciare milanello, a cominciare dai vecchi campioni pluridecorati che hanno sgravato i rossoneri dei loro stipendi pesanti (Nesta, Gattuso, Inzaghi, Zambrotta), per finire con i migliori giocatori della rosa, Ibra e Thiago Silva, volati in Francia al PSG.

Dopo la batosta interna subita dalla Sampdoria nella prima giornata Galliani (definito da Cassano l’uomo del molto fumo e poco arrosto) è dovuto correre ai ripari ed ora sta cercando di regalare ad Allegri qualche giocatore che possa rendere competitiva la rosa rossonera che soprattutto in Europa rischia di fare molta fatica. Il Milan vorrebbe Kakà in prestito gratuito, ma sta provando a concludere anche altre operazioni a costo zero per rinforzare la rosa. Sembra infatti che via Barcellona arrivi da Roma sempre in prestito l’attaccante Bojan, dopo che ieri è stato ufficializzato l’ingaggio di un giovane attaccante francese (Niang, 17 anni).

Come era chiaro da tempo il calcio italiano ha bisogno di un ridimensionamento totale e questo deve passare per forza di cose da una maggiore oculatezza negli investimenti. Il passo successivo dovrebbe essere quello di migliorare le proprie infrastrutture per rendere la Società indipendenti ed in grado di autofinanziarsi, un’pò come è accaduto in Inghilterra prima ed in Germania poi, due Paesi che anche da questo punto di vista hanno molto da insegnarci.

Certo che vedere una Società come il Milan in queste condizioni fa un’pò impressione.

La Fiorentina dopo due anni di spese controllate quest’anno è tornata ad investire moderatamente per fare la squadra, ma probabilmente risponderà alla chiamata del City per Nastasic che dovrebbe portare nelle casse viola 15 milioni di Euro cash più un altro giocatore (Savic).

Bojan Krkic ad un passo dal Milan

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *