Studio dentistico o franchising? 6 suggerimenti per scegliere

Studi dentistici non autorizzati, dentisti senza lauree o turismo dentale sono spesso i protagonisti delle notizie che popolano i quotidiani. Soprattutto in tempi di crisi, la tentazione di ricorrere a soluzioni “low cost” è allettante ma non dimentichiamo che la salute è una questione seria, come anche le eventuali conseguenze di un intervento sbagliato.

Come scegliere uno studio dentistico a Modena? Come valutare la professionalità dell’odontoiatra? Ecco alcuni semplici consigli per effettuare una scelta più consapevole:

  • ogni dentista deve essere iscritto all’Albo degli Odontoiatri dell’Ordine dei Medici: nel dubbio, è possibile chiedere al proprio medico di visionare il certificato di iscrizione all’Albo, ricordando che questo gesto è assolutamente legittimo per una scelta informata e consapevole e non deve pertanto essere considerato poco educato;
  • è fondamentale che il dentista chieda di avere un quadro clinico preciso sullo stato salute del proprio paziente: moduli, questionari informativi o interviste sul trascorso personale dal punto di vista medico ed odontoiatrico sono quindi un elemento importante per valutare uno studio medico attento e professionale;
  • gli ambienti ed in particolar modo le apparecchiature siano essere puliti e disinfettati: per una maggior sicurezza è possibile chiedere di visitare le sale e gli apparecchi di disinfezione e sterilizzazione, che rappresentano il fattore igienico più importante;
  • il materiale destinato al trattamento del paziente (guanti, copri sedia, tovagliette, protezione per gli strumenti, etc.) deve essere monouso o, qualora sterilizzabile, sterilizzato e riposto in confezioni monouso (è il caso ad esempio degli strumenti metallici per l’ispezione dentale);
  • un dentista deve essere disponibile a spiegare patologie, diagnosi e trattamenti con linguaggio semplice ma preciso: un eccesso di medichese è disorientante, così come una descrizione troppo generale della questione potrebbe nascondere poca trasparenza e consapevolezza della professione;
  • ultimo ma non ultimo, il costo: ogni paziente deve sempre essere informato anticipatamente sul trattamento che gli viene prospettato ed il costo ad esso associato, affinché possa ricevere tutte le informazioni necessarie per scegliere serenamente se e come affrontare l’intervento.
Studio dentistico o franchising?
Studio dentistico o franchising?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *