#Tracy #McGrady ed i 13 punti in 35 secondi contro gli Spurs

Il 9 Dicembre 2004 è il giorno in cui Tracy McGrady entrò nella storia della NBA. A Houston si giocava la partita tra i Rockets ed i San Antonio Spurs. Con 35 secondi ancora da giocare il tabellone recitava 76-68 in favore degli Spurs. Partita finita? Ovviamente no. Tracy McGrady mette a segno la bellezza di 13 punti negli ultimi 35 secondi regalando ai suoi Houston Rockets la vittoria per 81-80.

Con 35″ da giocare T-Mac segna la tripla che porta i Rockets sul 76-71. Gli Spurs con un 2/2 dalla lunetta allungano di nuovo sul 78-71. Altra tripla di McGrady con fallo subito da Duncan, ed il n°1 dei Rockets porta i suoi a -3 sul 78-75. Dall’altra parte Duncan fa 2/2 dalla lunetta: 80-75. Altra tripla fantastica di McGrady contro Bruce Bowen e siamo a -2 sul punteggio di 80-78. Rimessa Spurs con 11″ da giocare, la palla finisce nelle mani di Devin Brown che palleggia verso il fondo e perde palla. La palla finisce proprio nelle mani di Tracy McGrady, che vola in attacco consapevole che solo lui può prendersi l’ultimo, difficile, tiro della partita. T-Mac tira da 3 punti in mezzo a tre avversari, per vincere, ed ovviamente segna, regalando la vittoria ai Rockets.

L’Avvocato, al secolo Federico Buffa, chiude la telecronaca in questo modo: “Do You believe in miracles?“. Nel video qua sotto potete vedere lo stupendo finale di partita che resterà scolpito nella storia della NBA.

Tracy McGrady segna 13 punti in 35 secondi contro gli Spurs
Tracy McGrady segna 13 punti in 35 secondi contro gli Spurs

Per quanto riguarda Tracy McGrady, nella sua carriera NBA ha vestito le maglie di diverse squadre. Dopo essere stato scelto dai Toronto Raptors, in Canada non riuscì mai a mostrare tutto il suo talento. Dopo 3 stagioni arrivò il passaggio agli Orlando Magic dove diventa un All Star e riceve il premio di “Most Improved Playe” che spetta al giocatore più migliorato della stagione. Nella sua terza stagione ai Magic vince il titolo di miglior realizzatore della lega chiudendo la stagione con una media di 32,1 punti a partita, riconoscimento che riceve anche l’anno successivo che chiude a 28 punti di media a partita. L’anno successivo passa a Houston dove spera di poter coronare il suo sogno di vincere il titolo NBA. Ma purtroppo per lui i riconoscimenti individuali sono gli unici che riesce a mettere in bacheca. Nel 2010 a seguito di una trade approda ai New York Knicks, ma ormai anche a causa delle precarie condizioni fisiche T-Mac non ha quasi più niente da dire nella NBA. Torna in campo per 6 partite proprio con gli Spurs nel playoff del 2013 giocando appena 31 minuti totali, ma il titolo non arriva nemmeno in quell’occasione visto che gli Spurs sono sconfitti dai Miami Heat in gara-7.  Il 26 Agosto del 2013 annuncia ufficialmente il suo ritiro. Una curiosità: Tracy McGrady fin dai tempi dell’high school ha sempre indossato la maglia n°1 in onore di Penny Hardaway.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *