Calcio: Vendere all’estero? Certo che sì!

Estate, tempo di calciomercato e di affari. L’Italia è in piena crisi economica anche nel pallone, e non potrebbe essere altrimenti visti gli eccessi che questo sport si porta dietro da anni.

La notizia è che il Milan vende due dei suoi campioni, Ibrahimovic e Thiago Silva. Vanno al Psg di Carlo Ancelotti che verserà nelle casse rossonere 65 milioni di Euro. Contando anche il risparmio sugli ingaggi dei due giocatori il Milan fa una affare da 170 milioni di Euro.

Leggo su quotidiani e siti web il dispiacere per la perdita di questi campioni, a cui vanno sommate anche le partenze ormai prossime di due giovani talenti italiani. Sempre il Psg dovrebbe prendere Verratti, il gioiellino del Pescara. Il Liverpool invece porterà in Inghilterra Borini, attaccante della Roma. Sia il Pescara che la Roma incasseranno oltre 10 milioni di Euro.

Io invece sono contento. Ben vengano Società straniere e sceicchi che portano soldi in Italia. Tanti soldi. Sarebbe un suicidio fare il contrario, sarebbe immorale non accettare tutta questa liquidità per quelli che in definitiva son solo calciatori. Tanto il nostro campionato ha dimostrato anno dopo anno di riuscire a produrre e crescere giocatori di buon livello e se questo vuol dire fare da serbatoio per qualche superpotenza straniera poco importa.

L’unica cosa per cui sono dispiaciuto è che quegli sciacalli dei procuratori, uno su tutti, continueranno a mangiarci sopra come hanno sempre fatto.

Thiago e Ibra al Psg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *