Da #WWLG4L la lettera di un tifoso dei Celtics a #Kobe #Bryant

Il giorno dopo la lettera con cui Kobe Bryant ha annunciato che a fine stagione arriverà il suo ritiro dal basket giocato non è stato un giorno come gli altri. La bellissima e toccante lettera intitolata “Dear Basketball” con cui il Black Mamba ha fatto sapere al Mondo che è arrivato il momento di dire basta ha scatenato le reazioni di tutti gli sportivi. Nella giornata di ieri parlando di Basket l’argomento del giorno non poteva che essere quello, l’addio di Kobe al Basket. Tifosi ed avversari dei Lakers si sono pronunciati ed emozionati, gli addetti ai lavori hanno dedicato pagine intere al n°24 dei Lakers, avversari e compagni di squadra non hanno perso tempo per ringraziarlo per quanto ha fatto dal 1996 ad oggi sui campi della NBA.

Riporto qua una bellissima lettera inviata da un tifoso dei Boston Celtics di nome Jonathan Jacobson sul sito web americano #WWLG4L (acronimo di World-Wide LakerGang 4 Life), lettera riportata sui social italiani anche da “La Giornata Tipo“. Se amate il basket non potete fare a meno di leggerla attentamente almeno un paio di volte. Se siete amanti non solo di questo bellissimo sport, ma dello sport in generale, non potrete far altro che emozionarvi di fronte a questa parole. Quindi prendetevi 2 minuti di tempo e leggete queste parole indirizzate a Kobe Bryant da un tifoso biancoverde che ammette di odiare il n°24 gialloviola.

Caro Kobe Bryant, ti odio.

Puoi biasimarmi? Da fan dei Celtics, ho tifato contro di te per due decenni. Ho gioito della tua agonia quando i miei Celtics ti hanno battuto nelle Finali del 2008. Paul Pierce se lo meritava molto più di te. Avevi già tre anelli al tempo.
Ma tre non erano abbastanza per te. Hai avuto la tua vendetta ed ottenuto alla fine il tuo quinto anello nel 2010 strappandomi il cuore. Spero tu sia consapevole di quanto sei stato fortunato per l’assenza di Kendrick Perkins in Gara 7.
Oggi ho letto la tua lettera su “Players Tribune” ed ero scioccato. Non perché tu abbia annunciato il tuo ritiro – lo sapevamo già tutti. Ero scioccato per come mi ha fatto sentire la tua lettera.
Nel mio immaginario, ti avevo sempre accomunato a Derek Jeter. Voi siete i giocatori che noi fans di Boston odiamo di più, ma allo stesso tempo non riusciamo a fare a meno di rispettarvi. Avete sempre giocato nella maniera giusta – con passione, orgoglio e professionalità.
Siete stati veri studenti del gioco che hanno ottenuto la propria grandezza lavorando più duramente di chiunque altro. Siete diventati icone generazionali dei vostri rispettivi sport. Avete accettato ogni sfida. Ce l’avete messa tutta. Avete posto i vostri corpi in prima linea. Sapevate come vincere. Avete rispettato il vostro sport, il vostro mestiere, e la vostra rivalità con Boston.
Il 30 Dicembre 2015 sarà l’ultima volta che giocherai a Boston. E’ anche l’ultima opportunità per noi fan dei Celtics per spronare la nostra squadra a vincere contro quello che probabilmente è stato il giocatore più dominante nella storica rivalità tra Celtics e Lakers.
Con te se ne va tutto ciò che è rimasto della rivalità che una volta dominava la NBA. Forse un giorno verrà riaccesa da nuove facce. Forse no.
Perciò quando verrai al TD Garden il mese prossimo, spero che la folla ti faccia passare le pene dell’inferno. Spero che ti infastidiremo e sommergeremo di ‘boo’ più di quanto non abbiamo fatto nelle volte in cui si giocava per il titolo. Spero che sbaglierai ogni singolo tiro libero. Spero che non dimenticherai mai cosa voglia dire essere circondato da 17.000 tifosi che sanguinano verde e farebbero di tutto per vederti fallire un’ultima volta.
Spero che batteremo i Lakers un’altra volta. E quando verrai chiamato in panca nel quarto periodo quando i miei Celtics saranno a +20, penso accadrà qualcosa di bellissimo.
Ogni singola persona al Garden smetterà di fischiarti. Ci alzeremo in piedi e ti mostreremo rispetto con la più grande delle standing ovation che tu abbia mai visto. Canteremo il tuo nome. Ci asciugheremo gli occhi. Ti daremo il nostro agrodolce addio.
Dicono che non ci si accorge davvero di cosa si abbia a propria disposizione fino a che non lo si ha più. Perciò prima che tu te ne vada, voglio solo ringraziarti per esser stato molto di più che un gran giocatore di pallacanestro. Per un’intera generazione di fans NBA, tu sei la pallacanestro.
Non posso credere che lo sto dicendo… ma mi mancherai davvero tanto.

Love (and hate) you always,
Un fan dei Celtics che non ti ha apprezzato abbastanza.

Spero che questo caloroso riconoscimento sia quello che verrà riservato a Kobe Bryant in ogni Arena NBA in cui il Black Mamba giocherà per l’ultima volta in questa stagione. Non solo al TD Garden il 30 Dicembre 2015. Lì è stato l’avversario da battere, il rivale ed il nemico n°1 dell’ultimo decennio. Ma penso che anche il Madison Square Garden in cui il 2 Febbraio 2009 mise a segno 61 punti sarà felice di applaudirlo.

Kobe Bryant al TD Garden contro Ray Allen nelle NBA Finals
Kobe Bryant al TD Garden contro Ray Allen nelle NBA Finals

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *