#Ferrari: Vettel secondo in Canada. Bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto?

Ieri a Montreal, nel circuito dedicato a Gilles Villeneuve, si è corso il GP del Canada che ha visto trionfare Lewis Hamilton davanti a Sebastian Vettel. Dopo gli ultimi risultati deludenti la Ferrari è tornata ad essere competitiva, ma la tattica della Scuderia di Maranello potrebbe avere tolto a Vettel una vittoria che avrebbero rilanciato il pilota tedesco in ottica mondiale. Quindi il bicchiere è mezzo pieno o mezzo vuoto?

Al via Sebastian Vettel è scattato in modo magistrale dalla terza posizione in griglia superando con un balzo felino entrambe le Mercedes, con Lewis Hamilton che nel frattempo accompagnava sull’erba il povero Nico Rosberg (che alla seconda curva era 10°). Il pilota tedesco iniziava a martellare e giro dopo giro iniziava a prendere un’pò di margine nei confronti di Lewis Hamilton che con la sua Mercedes era l’unico pilota a riuscire a rimanere a contatto del ferrarista.

Sebastian Vettel è scattato in modo magistrale
Sebastian Vettel scatta in modo magistrale ed alla prima curva è in testa

Ma la Virtual Safety Car entrata a causa della rottura del motore di Jenson Button ha mischiato le carte in tavola. O per meglio dire, ha portato la Ferrari a cambiare le carte in tavola. Gli strateghi (sarà il termine giusto?) di Maranello hanno deciso per l’undercut con entrambi i piloti, montando la gomma rossa sia sulla macchina di Vettel che su quella di Raikkonen. Grazie alla Virtual Safety Car che era in pista Vettel e Raikkonen hanno perso poco tempo, ma il tedesco si è ritrovato ovviamente dietro ad Hamilton. Per regolamento nel GP di Montreal i piloti erano obbligati a montare nel corso della gara sia la gomma viola (ultra soft) che la gomma gialla (soft). La scelta della gomma rossa (super soft) da parte della Ferrari ha obbligato i due piloti in rosso ad effettuare una seconda sosta, con la Mercedes che ha deciso invece di fare una sola sosta con Hamilton. Indovinate un’pò quale è stata la mossa vincente? Ovviamente la sosta unica della Mercedes ha pagato i maggiori dividendi…..

Vettel ed Hamilton sul podio
Vettel ed Hamilton sul podio

La domanda è questa: perchè rischiare una strategia del genere quando sei in prima posizione? Ma soprattutto, premesso che l’undercut con la Virtual Safety Car poteva essere una mossa giusta, perchè non montare subito le gomme gialle per poi riservarsi quelle rosse solo in caso di bisogno per un ultimo stint?

Hamilton ha ringraziato ed ora è piombato come un falco alle spalle di Rosberg nella classifica mondiale. Nico ha finito la gara al 5° posto alle spalle anche di Bottas e di Verstappen. Assieme a Vettel ed Hamilton il giovane prodigio della Red Bull è stato il migliore in pista. Verstappen è stato infatti l’unico pilota che si è difeso in modo magistrale dagli assalti di Rosberg egli ultimi giri portandolo addirittura a commettere un errore che sarebbe potuto costar caro all’attuale leader del mondiale.

il duello tra Verstappen e Rosberg
Il duello tra Verstappen e Rosberg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *