Fiorentina: il 2015 viola inizia a suon di scossoni

Il nuovo anno per la Fiorentina è iniziato a suon di scossoni che porteranno ad una mezza rivoluzione in casa viola da qui alla prossima estate.

Il primo scossone è quello legato a Norberto Neto, con il portiere brasiliano che ha deciso di non rinnovare il contratto con la Fiorentina perchè a quanto pare non crede nel progetto viola. La Società non l’ha presa bene, pubblicando un duro comunicato dove ha evidenziato l’amarezza per la scelta del portiere di non rinnovare. Neto è finito nel mirino di alcuni tifosi ed allo stesso tempo ha perso il posto in squadra a favore del rumeno Tatarasanu che gli ha soffiato il posto ti portiere titolare della Fiorentina. Ora i viola cercheranno di cedere il portiere in questa finestra di Gennaio per provare a monetizzare un minimo l’investimento fatto anni fa da Corvino. Ma l’ipotesi più probabile è che Neto decida di restare a Firenze fino a Giugno (non giocando) per scegliere la sua nuova squadra in completa autonomia. Su di lui ci sono Juventus (sembra che le parti abbiano già un accordo), Roma, Liverpool ed Inter.

Neto non rinnova con la Fiorentina
Neto non rinnova con la Fiorentina

Il secondo scossone arriva dalla partita di Parma, dove la Fiorentina ha perso per 1-0. E’ uno scossone alla classifica, con i viola che stanno perdendo il treno per il 3° posto (difficile pensare che la Fiorentina possa recuperare terreno su squadre in salute come Napoli e Lazio). Ma soprattutto c’è anche il rischio di rimanere fuori dalla “zona Europa League” per la quale la concorrenza è molto agguerrita.

Il terzo scossone potrebbe avere il nome di Mario Gomez. Il tedesco è in evidente difficoltà, e nonostante la buona volontà non riesce ad incedere come dovrebbe fare un giocatore del suo calibro. Nella sconfitta della Fiorentina a Parma l’attaccante viola ha sbagliato un paio di occasioni molto limpide ma soprattutto alla mezzora del primo tempo ha sbagliato anche il rigore del possibile pareggio viola. A fine gara Gomez è andato dai tifosi viola a scusarsi per la brutta prestazione, ma la sensazione è che il matrimonio fra il bomber tedesco e la Fiorentina sia a rischio, tanto che si stanno facendo molto insistenti le voci di una sua possibile cessione.

Gomez è sempre più un caso nella Fiorentina
Gomez è sempre più un caso nella Fiorentina

Il quarto scossone potrebbe arrivare fuori dal campo di gioco. A Giugno probabilmente la Fiorentina e Montella prenderanno strade diverse con l’allenatore viola che potrebbe finire sulla panchina del Napoli. Anche a livello dirigenziale la situazione sembra tutta da definire. Il contratto di Pradè è in scadenza e probabilmente il dirigente romano chiuderà la sua esperienza in viola nel mese di Giugno. Anche la permanenza di Eduardo Macia è a rischio perchè sulle sue tracce c’è il Barcellona.

La Fiorentina ha  bisogno di intervenire in fretta sul mercato per cercare di raddrizzare la stagione. Il primo tassello dovrebbe essere Alessandro Diamanti che il cui acquisto dovrebbe essere ufficializzato già nella giornata di oggi. Ma lo spogliatoio della Fiorentina potrebbe vedere altri cambiamenti. Come detto Gomez non è più intoccabile e per sostituirlo si fanno i nomi di Osvaldo e Gilardino. L’italoargentino sarebbe sicuramente un ritorno gradito, mentre un ritorno del bomber di Biella non sarebbe poi così speciale visto che da qualche anno non ha più fatto parlare di sé. Sinceramente a me piacerebbe l’idea di riportare a Firenze Osvaldo, ma ancor più interessante sarebbe un arrivo a Firenze di Mattia Destro che a Roma non trova molto spazio e che a Firenze potrebbe trovare un’occasione di rilancio.

Alessandro Diamanti vicinissimo alla Fiorentina
Alessandro Diamanti vicinissimo alla Fiorentina

Nella rivoluzione viola mi piacerebbe vedere una Fiorentina più italiana. Nella formazione titolare scesa in campo a Parma non c’era nemmeno un giocatore italiano, mentre i ducali ultimi in classifica hanno messo in campo solo giocatori italiani. Ovviamente non è questo il problema della Fiorentina,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *