Ice Bucket Challenge, una rassegna di secchiate per aiutare i malati di SLA

Oggi voglio parlarvi dell’Ice Bucket Challenge, un’iniziativa nata nelle ultime settimane che sta diventando virale e che ha come obiettivo quello di raccogliere fondi per la ricerca sulla SLA (sclerosi laterale amiotrofica).

L’Ice Bucket Challenge sta praticamente colonizzando tutti i social network con i video delle moltissime persone che  si tirano addosso un secchio di acqua ghiacciata. Tradotta in italiano questa iniziativa significa  “la sfida del secchiello di ghiaccio” ed è nata in America. In pratica i protagonisti, dopo essersi versati addosso un secchio di acqua ghiacciata, vanno a nominare una o più persone che entro 24 ore dalla nomination dovranno fare la stessa cosa oppure donare cento dollari alla ALS Association, un’organizzazione statunitense no profit che sostiene la ricerca sulla SLA. I video che vengono caricati in rete hanno un hashtag ad essi collegato: #IceBucketChallenge.

Dall’America l’Ice Bucket Challenge si è spostato anche in Europa, arrivando quindi anche in Italia, dove negli ultimi giorni questa iniziativa ha coinvolto sempre più persone. Abbiamo visto infatti la doccia ghiacciata dei vari Jovanotti, Valentino Rossi, Cesare Cremonini, Celentano, Matteo Renzi, Giuseppe Rossi, Marco Materazzi e tanti altri.

L’iniziativa ha avuto molto successo, ma nel nostro Paese come sempre in prima fila ci sono i critici di professione (siamo i Campioni del Mondo in questo campo), pronti a reagire ed a inveire accusando chi si presta all’Ice Bucket Challenge di essere un esibizionista, che si tratta di uno spreco di acqua fresca, moralizzando sull’iniziativa dicendo che la gente dovrebbe semplicemente donare soldi in silenzio e andare avanti con le proprie vite. C’è addirittura chi critica l’iniziativa perchè in questo modo danneggia le altre associazioni no profit che sono meno pubblicizzate.

I dati delle donazioni invece dicono tutt’altro! Negli Stati Uniti le donazioni hanno superato i 60 milioni di dollari che sono stati raccolti dall’ALSA ed in Italia la crescita delle donazioni è stata evidente. L’AISLA ha iniziato a spingere la campagna il 21 Agosto e la crescita delle donazioni è stata la seguente:
Circa 26.000€ raccolti al 22 Agosto
Circa 150.000€ raccolti al 24 Agosto
Oltre 300.000€ raccolti al 25 Agosto

Grafico donazioni AISLA grazie a #IceBucketChallenge
Grafico donazioni AISLA grazie a #IceBucketChallenge

Insomma, lasciamo da parte le critiche e pensiamo a ad aiutare chi ne ha bisogno. Se per farlo c’è bisogno di fare casino, di mettersi in mostra e di farsi una doccia ghiacciata conta poco.

Basta andare sul sito dell’Associazione per fare una piccola donazione, anche attraverso PayPal. Ecco qua il Link, dal quale sarà possibile seguire AISLA attraverso tutti i suoi canali ufficiali.

Donazioni AISLA: superati i 300.000€
Donazioni AISLA: superati i 300.000€

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *