Lakers in caduta libera

Lakers sul baratro

I segnali arrivati sul finire di stagione erano inequivocabili ed il primo turno dei playoff contro gli Hornets aveva confermato che i Lakers erano in grossa difficoltà.

Tutti i problemi dei lacustri sono diventati ancor più evidenti contro i Mavs di un grande Nowitzki che questa notte, con la seconda vittoria in due partite allo Staples Center hanno ipotecato il passaggio del turno.

Da inizio Aprile è evidente che i Lakers sono in condizioni fisiche pessime, forse anche a causa del grosso sforzo fatto dalla squadra nel periodo Gennaio-Marzo per rincorrere gli Spurs ad Ovest.

La squadra arrivata ai playoff si è dimostrata vuota e clamorosamente Bryant-dipendente. Kobe probabilmente è l’unico che si sta salvando in questi playoff, ma da solo anche lui non può far molto quando si arriva a certi livelli, soprattutto nei playoff. Il resto della squadra è in costante difficoltà, e le carenze arrivano soprattutto dalla panchina dove Blake e Barnes si stanno rivelando pressochè inutili. Se ci mettiamo anche un Gasol abulico ed un Artest tornato ad essere il fumino pre-lakers il gioco è fatto.

Stanotte i gialloviola hanno subito una squadra nettamente più in forma, con una panchina di buon livello con Barea che sembrava Chris Paul. Un Dirk Nowitzki sempre più leader dei Mavs, il 2/20 nel tiro da 3 punti dei gialloviola ed una difesa poco attenta e clamorosamente vulnerabile nel P&R hanno fatto il resto.

Nella storia dei playoff NBA solo 3 volte chi è partito sotto 2-0 è riuscito a vincere la serie. Come dire: mission impossible. Ovviamente provare a crederci è d’obbligo, ma probabilmente questi Lakers sono arrivati al capilonea di questa stagione che inevitabilmente segna anche la fine di un ciclo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *